Casino Italia - Casinò Italia La Community Italiana di ...

888 Casino Italia

888 Casino Italia submitted by monsterkiss to u/monsterkiss [link] [comments]

Star Casino 100 no deposit free spins bonus code (Italia)

Star Casino 100 no deposit free spins bonus code (Italia)

Star Casino free spins and welcome bonus
Join Star Casino Italia and receive 100 free spins without deposit! This exclusive promotion is combined with a massive first deposit bonus of 100% up to 1.000 EUR! Play now and win jackpots!!!
>> Claim Free Bonus Here <<

Star Casino Review

Star Casino is an online casino website based in Italy. Ever since it was founded in 2012, the casino has gathered several noteworthy accolades. The casino is operated by Betsson Group, a Maltese company and subsidiary of Betsson AB. This company has been in the gambling business since the 1960s and has earned an excellent reputation since then.
Back in 2010, online gambling was legalized in Italy and as a result, many foreign and domestic companies could release their online casinos to the general public. All they had to do is gain a license from the Autonomous Administration of State Monopolies, or AAMS (from Italian) for short, which sets the standards and regulations for games of chance and skill, casino games, sports, and horse race betting. Star Casino is indeed licensed by this government institution.
Star Casino has all the right stuff going for it and in 2012 it was named Casino Operator of the Year at the eGaming Review (EGR) Awards in London. The games are provided by NetEnt, which means that StarCasino hosts some of the best slot games out there, as well as live and virtual game tables. Games diversity is excellent and there is something for everyone here. Their customer support is also impeccable and considering that they won the Best Customer Services Operator at EGR Awards in 2012, you can rest assured that you are in safe hands.

Star Casino Software Providers

Star Casino has teamed up with NetEnt for the supply of their games and software. Having its humble beginnings in the distant 1996, NetEnt has gained critical acclaim and proven itself to be a reliable and trustworthy software provider. Nowadays NetEnt is one of the biggest and most recognizable brands in the online casino industry and it services a staggering number of reputable online casinos. Some of the most popular online casino games in the world such as Starburst, South Park, and Mega Fortune were developed by NetEnt.
Following NetEnt’s standards, the games hosted on Star Casino simply ooze quality. All games are Instant Play and do not require any additional software to be run. They feature top-notch graphics and audio while providing a fun and exciting gameplay experience. The variety of games is nothing to scoff at either. With over 200 unique titles, Star Casino boasts an exceptional selection. The randomness of the games is tested by a third-party company so that the results are guaranteed to be genuine and untampered.
>> Claim Free Bonus Here <<

Play Star Casino Games

Available Games

Star Casino has a wide array of games available on offer. The selection of games is enough to satisfy even the most demanding of gamblers. Here you will find all the classics, along with many different newer styles. Star Casino constantly improves its game selection by adding new titles while keeping in line with its current standards of quality. To ensure transparency and honesty, StarCasino has posted the player return percentage of each game on their platform. This is a gesture of good faith that not all casinos are prepared to make and it deserves to be recognized.

Slots

The majority of StarCasino’s gaming portfolio consists of slots and the casino has nearly 200 of them on offer. A player may go on for days and weeks before they can experience every single game in this section. As with most NetEnt games, the graphics are beautiful and clear, while the music is immersive and engaging from the beginning.
Veteran slot fans can immediately play their favorite Starburst, Gonzo’s Quest, Twin Spin, Wild Wild West, and much more. Additionally, you will also find slots themed with various popular culture intellectual properties such as Guns n’ Roses, Batman, and The Flash, among others. The games impress not only with their visual and audio quality but with a number of great features as well, including profitable symbols like wilds and scatter, and free spins rounds.

Blackjack

Blackjack players will be delighted to know that the casino hosts several blackjack games. The blackjack selection is not as extensive as what some other casinos have to offer, but the games stand out with top quality. You can expect to find Single Deck Blackjack, BJ Double Exposure, Pontoon, Ventuno, and Blackjack Champion.
The games are exceptionally authentic, so players will never again think of visiting a land-based casino in order to enjoy their favorite game of twenty-one. Additionally, you can engage in Live Blackjack games that are hosted by professional croupiers with years of experience behind their back.

Poker

The casino has provided some excellent poker games to its loyal clientele. Players who are new to poker and therefore, lack the required experience and skill, can try out some of the available video poker variations including staples such as Jacks or Better Double Up, Joker Wild Double Up, All American Double Up, and Deuces Wild Double Up.
More skilled players are given the option to dive in StarCasino’s fantastic selection of table poker games, which consists of Texas Hold’em, Oasis Poker, Casino Hold’em, Caribbean Poker, Ultimate, and Texas Hold’em, among others. When playing in the Live Casino, you can dabble in Live Poker and test your skills against the friendly and seasoned dealers as the games are streamed in real-time.

Roulette

Seeing the roulette wheel spin is a thrill anyone can enjoy. At StarCasino, you can have your pick from a large variety of live and virtual Roulette titles, each one impressing with authenticity, flexible bet limits, and seamless gameplay.
The selection includes many different styles of roulette, including traditional options such as French Roulette, Classic Roulette, and European Roulette, which are preferred due to their lower house advantage. Also, there are some more extravagant types like Golden Ball, Lucky Lady Roulette, Sizzling Hot Roulette, Dolphin Pearl Roulette, and more.

Jackpots

A player wishing to get rich quick can try their shot at winning a huge jackpot at Star Casino. These games offer a very large payout potential and guaranteed fun while playing them. Star Casino currently offers four different Jackpot games, which are Divine Fortune, Chili Gold 2, Cosmic Fortune, and Caribbean Stud Poker. NetEnt jackpot classics such as Arabian Nights or Mega Fortune are not available at this casino at the moment, but surely more progressive titles will be added to the portfolio in the future.

Live Casino

If you wish to have the experience of playing at a brick-and-mortar casino without leaving the comfort of your surroundings, you can opt to play at StarCasino’s Live Casino. There you will be served by professional dealers, who aim to offer a top-quality service to all players. These croupiers speak fluent Italian and will help you with any and all questions you may have. The Live Casino hosts a wide array of games including different variants of Roulette, Blackjack and Baccarat as well as several variations of Poker.
>> Claim Free Bonus Here <<

Supported Devices

In order to play at StarCasino, all you need to have is a stable Internet connection and an Internet browser. All games are run using Adobe Flash Player, so make sure that you have downloaded it from the Adobe website or that it is embedded in your browser. Luckily, all modern commercial browsers, such as Opera, Chrome, Safari, and Mozilla Firefox, come with a pre-installed Flash Player so you need not worry about anything when playing.
If you do not wish to be tied down to your computer or laptop, or if you are on the go but still want to play, you can do so on your smart device. The site supports a mobile version for smartphones and tablets, running on iOS and Android. Games are adapted for mobile use and are optimized to fit the smaller display, while still retaining their usability and rendering information just as well as on your desktop computer. What you have to also keep in mind is that some games may not run on your mobile device. There is no official post listing the unsupported games so you would have to find that out on your own.
At the present moment, StarCasino does not offer a native downloadable app for smartphones or tablets when other similar websites go out of their way to provide one to their player base. However, StarCasino is more than likely to change this omission in the near future.
The experience of playing on a mobile browser may prove to be sub-par compared to that on a dedicated app or on a desktop computer. Different smartphones perform differently and some players may not have any issues, while for others, it may be unplayable. It is recommended that you play on a newer device as those have way fewer problems in terms of performance and stability.

Bonuses and Promotions

Star Casino offers enticing bonuses and promotions for new and returning players. The Casino offers a no deposit bonus of €10. The Welcome Bonus rewards you with 200% of your deposit up to €100. Your second deposit will get you a 200% bonus up to €200. When depositing for the third time you will receive a bonus of 200% of your deposit up to €300, while the limit of your fourth deposit goes up to €400. The site does not mention the wagering limit on these bonuses, so it is better to turn to customer service to make sure what their terms are.
The casino offers a loyalty point system for long-time players. Every €5 played on slot machines, or €10 wagered on video poker and table games, will earn you points which you can later redeem for cash. The minimum you can convert is 100 points, which equals €1. Any money gained via this loyalty point system must only be wagered one time so that you may keep your winnings from it.
Star Casino also offers weekly or monthly bonuses for a limited time, where you have a chance to gain a cash bonus, free spins or if luck was not on your side you may recover a portion of your money. These offers are diverse and fun, so each time you will have a different experience. They also change on a regular basis so check the Promotions page to see what is currently available.
>> Claim Free Bonus Here <<

Star Casino Payment Methods

Star Casino supports the most commonly found payment methods. Supported credit or debit cards are Visa, MasterCard, Postepay, and Maestro. Skrill, Neteller, and PayPal are the alternatives when it comes o e-Wallets. There is also the option to deposit via a Recharge Voucher. The minimum deposit one can make is €10 across the board, with a maximum deposit of €2,000 at a time for bank cards and PayPal and a maximum of € 45,000 for Neteller and Skrill. Transactions take place instantly and you can gamble away as you please. The casino does not charge any commissions for the deposits, although the payment service may inflict their own fees.
Withdrawing your winnings is just as easy as making a deposit. You can order a payout via your bank card if you have a Visa, Maestro, or American Express. You also are eligible to use Skrill, PayPal, or Neteller if you have an account with them, or alternatively, order a withdrawal via Bank Transfer.
The transactions take between 2-3 business days, which compared to other casinos is much faster, with the exception of the Bank Transfer method, where it will take anywhere between 6 and 9 business days, at which you may even forget that you even ordered a cashout. You are required to withdraw using the same method that you deposited with. The casino works only with EUR and if you deposit in any other currency, the casino will convert it to EUR at the current exchange rates.

All Accepted Methods

Customer Support

As mentioned above, StarCasino received the Best Services Operator award in 2012 at the EGR in London. They have supplied multiple methods of communication should you wish to contact them with a problem or a question. The most convenient way would be to call them at over the telephone. Another way to get in touch is via email, at [email protected]. The third option is to use the live chat system on their website. All operators speak excellent Italian and will be able to assist you with any and all problems. Customer Service is available to players seven days a week.
Customer Service and the website itself are available only in Italian. You have to keep that in mind if you are an international player and wish to make use of the casino’s services.

Licensing and Restricted Countries

Star Casino is one of the most respected casinos on the Italian gambling market. It holds a license issued by the Autonomous Administration of State Monopolies (AAMS from Italian), which regulates and sets the standards for casinos operating in the jurisdiction of the Italian Republic. Additionally, their random number generation systems are tested regularly by TST, a reputable firm known for guaranteeing the randomness of online casino games. With all this in place, players can rest assured knowing that their results are truly random and are not tampered with.
Star Casino is primarily directed at the Italian market and is not intended for international users. Despite this, players from foreign countries may attempt to register on the website. On the registration page, you will be asked to supply proof of identification and enter some personal information. This is a standard requirement for every well-established online casino with an AAMS license. If you manage to register you have to keep in mind that the website and the support service provided by its agents are exclusively in Italian, so if you do not speak the language, you will have a hard time here.
>> Claim Free Bonus Here <<
submitted by freespinsmobile to u/freespinsmobile [link] [comments]

List of domains for sale - 100€ per domain min. offer

Hello, my domains are for sale. Minimum offer is 100€ per domain name. You can send your offer direct to me, or you can open the URL domain and follow the steps to make offer.
Purchased domains will be pushed to your account at same registrar, transfered via EPP code or If the domain is younger than 60 days - I will give you entire account at registrar.
Renewal of the ccTLDs are in the price range of 10€ to 15€ per year (.it, .cat., .nu, .se, .us, .ba, .uk).
Payment methods: PayPal, Wire transfer (UBS Bank Switzerland), DAN/Sedo

DOMAIN: gocaution.com
REGISTRAR: Gandi
EXPIRES: 14-10-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: swissmeme.com
REGISTRAR: Exabytes/WEBCC
EXPIRES: 10-09-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: torrent.nu
REGISTRAR: StableHost
EXPIRES: 28-09-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: okboomershow.com
REGISTRAR: Nominalia
EXPIRES: 19-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: fksarajevo.com
REGISTRAR: GoDaddy
EXPIRES: 06-06-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: okboomer.se
REGISTRAR: Stablehost
EXPIRES: 19-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: glarus.net
REGISTRAR: Epik
EXPIRES: 17-04-2021
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: vodka.li
REGISTRAR: Hostpoint
EXPIRES: 21-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: cyberunit.org
REGISTRAR: Ionos
EXPIRES: 24-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: kfz-finanzierungen.com
REGISTRAR: LCN
EXPIRES: 28-06-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: stadt-solothurn.com
REGISTRAR: Blacknight
EXPIRES: 16-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: vegetarianquality.com
REGISTRAR: RegisterIT
EXPIRES: 19-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: okboomersticker.com
REGISTRAR: RegisterIT
EXPIRES: 19-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: calibrasex.com
REGISTRAR: Epik
EXPIRES: 23-06-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: solothurntourism.com
REGISTRAR: Blacknight
EXPIRES: 16-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: solothurn.co
REGISTRAR: Dynadot
EXPIRES: 16-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: solothurner.com
REGISTRAR: LCN
EXPIRES: 16-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: okboomerclothing.com
REGISTRAR: Nominalia
EXPIRES: 19-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: brocken.haus
REGISTRAR: Porkbun
EXPIRES: 09-08-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: swisscasino.co
REGISTRAR: Godaddy
EXPIRES: 03-12-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: swisscasinos.co
REGISTRAR: Godaddy
EXPIRES: 03-12-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: space-zoom.com
REGISTRAR: Directnic
EXPIRES: 09-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: webmeister.org
REGISTRAR: RegisterIT
EXPIRES: 17-10-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: switzerlandtourism.info
REGISTRAR: Dynadot
EXPIRES: 17-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: das-casino.com
REGISTRAR: RegisterIT
EXPIRES: 23-10-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: discoverthis.co
REGISTRAR: Dynadot
EXPIRES: 14-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: gaymail.co
REGISTRAR: Dynadot
EXPIRES: 09-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: poll.nu
REGISTRAR: Stablehost
EXPIRES: 28-09-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: casino-italia.it
REGISTRAR: RegisterIT
EXPIRES: 20-10-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: italia-casino.it
REGISTRAR: RegisterIT
EXPIRES: 20-10-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: gayforum.co
REGISTRAR: Dynadot
EXPIRES: 09-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: bewertung.co
REGISTRAR: Epik
EXPIRES: 03-07-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: haeusliche-gewalt.com
REGISTRAR: Gandi
EXPIRES: 07-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: calibrapass.com
REGISTRAR: Epik
EXPIRES: 21-06-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: domainpul.se
REGISTRAR: Stablehost
EXPIRES: 29-09-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: hilfetelefon.com
REGISTRAR: Gandi
EXPIRES: 07-11-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: swiss.cat
REGISTRAR: Nominalia
EXPIRES: 07-12-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: swiss-sailing.com
REGISTRAR: Easyname
EXPIRES: 02-12-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: serverraum.eu
REGISTRAR: DomainDiscout24
EXPIRES: 12-12-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: adressbuch.net
REGISTRAR: Nominalia
EXPIRES: 10-12-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: hivelearning.uk
REGISTRAR: Namesco
EXPIRES: 21-10-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: humanhairextensions.uk
REGISTRAR: LCN
EXPIRES: 26-06-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: libexplorer.co
REGISTRAR: PDR
EXPIRES: 06-07-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: menacasinos.com
REGISTRAR: Directnic
EXPIRES: 28-07-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: menabet.com
REGISTRAR: Ionos
EXPIRES: 29-07-2020
MIN. OFFER: 100€
----------
DOMAIN: xirc.org
REGISTRAR: Google
EXPIRES: 27-10-2021
MIN. OFFER: 100€
GRATIS: 10 Mails for Google (Suite) Apps Legacy
-----------
DOMAIN: [كوينمينا.com](https://كوينمينا.com)
REGISTRAR: Dynadot
EXPIRES: 29-07-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: amar.us
REGISTRAR: Namesilo
EXPIRES: 21-08-2023
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: cloud.ba
REGISTRAR: Leftor
EXPIRES: 08-03-2020
MIN. OFFER: 100€
SPECIAL: Requires a Trustee contact in this country. That contact can be registrar or mine address.
-----------
DOMAIN: data-center.uk
REGISTRAR: 123-Reg
EXPIRES: 01-07-2020
MIN. OFFER: 100€
-----------
DOMAIN: maple.cat
REGISTRAR: SW Hosting Spain
EXPIRES: 09-07-2020
MIN. OFFER: 100€
submitted by Robot096 to Domains [link] [comments]

🥇Casino online 2021 - online casino italiani legali e sicuri - AAMS - Biteditor Italia

🥇Casino online 2021 - online casino italiani legali e sicuri - AAMS - Biteditor Italia submitted by letsfuckinggo520 to Italianreport [link] [comments]

TIL An Italian enclave within Switzerland called Campione d'Italia used to live entirely from the proceeds of the local casino, which was Europe's largest, without the need for any other taxes or revenues - until it went bankrupt in 2018. Now the entire village is in debt & may become a ghost town.

TIL An Italian enclave within Switzerland called Campione d'Italia used to live entirely from the proceeds of the local casino, which was Europe's largest, without the need for any other taxes or revenues - until it went bankrupt in 2018. Now the entire village is in debt & may become a ghost town. submitted by oceanicplatform to todayilearned [link] [comments]

Casino in Campione D'Italia, Switzerland

Casino in Campione D'Italia, Switzerland submitted by Puntoz to evilbuildings [link] [comments]

esiste una micronazione in Italia? ovviamente non viene riconosciuta dall'Italia, si trova in liguria ed è stato tutto un casino lol

submitted by The_Kid_In_Red to italy [link] [comments]

[Italia] Youtube ha fatto di nuovo casino

Non so se sapete ma da pochissimo il canale di nocoldiz è stato sospeso, non per violazione di copyright come un po' tutti si sarebbero aspettati(anche se ingiustamente), ma per spam, truffe e contenuti commerciali ingannevoli. Non si sa ancora nient' altro. Personalmente sono dispiaciuto ma non sopreso, youtube mi delude sempre di più. Anche se ultimamente trovavo i suoi video sempre meno creativi, spero che il Primo Pooper di yt italia tornerà. Voi che ne pensate?
Submitted September 30, 2019 at 09:54PM by spartakthememer777
POST URL: https://www.reddit.com/Italia/comments/dbh84c/youtube\_ha\_fatto\_di\_nuovo\_casino/?utm\_source=ifttt
POST IMG: http://ifttt.com/images/no\_image\_card.png
submitted by italiagram2 to ItaliaGram [link] [comments]

@AFP: Campione d'Italia, a tiny Italian enclave on the shores of Switzerland's Lake Lugano, is fighting for its survival after its main source of income, a giant casino, went bankrupt https://t.co/OeY7X1biwZ https://t.co/5U6xVy6Cc7

submitted by -en- to newsbotbot [link] [comments]

Lamentela e basta (forse esagero?)

Scusate, mi è venuta voglia di sfogarmi e farò un rant un po' lungo. Probabilmente esagero, forse sbaglio, d'altronde non sono un commercialista. Ma c'è una cosa che mi mette tristezza.
Vedo on-line esperti di vari campi che vendono i loro corsi, o ebook autoprodotti, o software in abbonamento, o persino giochi. Ecco, tutte queste persone generalmente sono americane. E hanno un loro sito dove acquistare, con un sistema molto semplice per pagare con carta di credito.
Ora, io mi chiedo una cosa. In Italia com'è possibile fare qualcosa del genere? Mi rispondo da solo: è impossibile, specialmente se devi ancora iniziare.
Mettiamo che io abbia fatto tutta la trafila per aprire una partita IVA, o persino abbia aperto una s.r.l. così risulto più professionale (e tutelato). Molto bene, sono già in rimessa di qualche migliaio di euro ma ci può stare. Ora però, se vendo un software "SaaS" a tipo 3 euro al mese, che faccio?
Emetto una fattura per ogni transazione di 3 euro? Mi costa di più il tempo di fare una fattura così bassa, che il guadagno stesso. Non posso neanche automatizzare l'invio delle fatture, perché se in America basta generare un PDF e inviarlo per email (è una cosa banale e immediata), qui c'è tutto il casino di generare un xml e interfacciarsi con quel casino medievale che è il S.D.I. E poi il commercialista che fa? Per registrare tutte le fatture ci mette del tempo.
Oppure decido di non fare la fattura: se ho capito bene, leggendo su internet, non c'è obbligo di fattura né di scontrino se l'acquirente è un consumatore. Però devo annotare la vendita, entro il giorno lavorativo successivo, in un qualche registro che non ho ben capito, ma penso se ne occupi il commercialista, che ovviamente si fa pagare per il suo tempo.
E comunque c'è da tenere conto che se il consumatore non è in Italia, ma è all'estero, devo seguire tutta una procedura diversa, a meno che non stia sotto i 10.000 euro annuali per quel paese, e in ogni caso dovrò fare l'intrastat e l'esterometro. Via altri soldi al commercialista.
Morale della favola: o lascio perdere, o mi devo far pagare il software una barca di soldi. In ogni caso non ne venderò neanche uno e addio.
Ora io non voglio dire che all'estero sia tutto rose e fiori. Magari ho frainteso delle cose, o non ho capito o non conosco trucchi per semplificare le procedure italiane.
Però sono incazzato, perché ho il forte sospetto che in America tutta questa burocrazia non ci sia, là posso mettermi online il mio bel e-commerce da solo e iniziare a fare business.
Sbaglio? Spero di sì... io prego di sì, perché altrimenti vuol dire che siamo proprio messi male. E che di sicuro la mia idea imprenditoriale qui non potrò metterla mai in atto.
submitted by send_me_a_naked_pic to commercialisti [link] [comments]

Prediksi Italia vs Portugal 18 November 2018 - Agen Bola Terpercaya | Judi Casino | Bandar Bola Onlne | Agen Tangkasnet | Agen 88Tangkas

Prediksi Italia vs Portugal 18 November 2018 - Agen Bola Terpercaya | Judi Casino | Bandar Bola Onlne | Agen Tangkasnet | Agen 88Tangkas submitted by CahayaBola88 to u/CahayaBola88 [link] [comments]

888 Casino Login Italia

888 Casino Login Italia submitted by monsterkiss to u/monsterkiss [link] [comments]

Wutbot on "Switzerland": [r/evilbuildings] Casino in Campione D'Italia, Switzerland

Wutbot on submitted by Wutbot1 to WutbotPosts [link] [comments]

Il mio viaggio nella Storia del Cinema: dal 1965 al 1968

E con questo ho finito il diario di viaggio per ora, perché sono alla fermata del 1969 e ne avrò ancora per qualche settimana prima di vedere tutto quanto voglio vedere. Poi metterò nero su bianco. Alla prossima!
1965
Prima di dare una rapida scorsa a quest’anno con qualcuno dei film che ho amato di più mi piace fare anche qualche altra segnalazione: tra le mini-serie è nota quella con Juliette Greco: “Belfagor”, che è un mystery molto lento per i nostri gusti, ma l’ho finito lo stesso tutto perché mi piaceva. Parte quest’anno la felicissima serie di “Giochi senza Frontiere”, che per una ventina d’anni fu uno degli appuntamenti più amati dei telespettatori italiani. In tv vanno ancora i fantasy come “Strega per amore”, con Larry Hagman prima di far soldi col petrolio. Esordisce Sally Field nel telefilm “Gidget”, aveva 15 anni.
Passiamo ai film allora, ma devo lasciare da parte Zivago, Connery, Dentone, Giuletta degli Spiriti, Michael Caine, Leone, Burton, Carrà e Julie Andrews. Ahimé.
Repulsion” di Polanski è una delle più belle prove di Catherine Deneuve, che più guardo i suoi film più entra di prepotenza nella classifica delle mie attrici preferite. La Deneuve qui è una ragazza che ha qualche problema: è ossessiva, soffre di disturbi psichiatrici, ha delle allucinazioni. Il suo status peggiora una sera che resta da sola a casa. Nessuno si accorge veramente di quanto soffra e la ragazza peggiora sempre di più, con risvolti drammatici. Dico solo che la scena della crepa nel muro è fenomenale.
Io la conoscevo bene” di Pietrangeli, è un film con Stefania Sandrelli e Mario Adorf. La Sandrelli ha avuto tipo tre carriere: quella di giovane star italiana, quella post-Brass e quella di attrice di esperienza che sta vivendo adesso. Il suo sguardo timido e dimesso di questo film ha molto in comune con quello della Cardinale prima maniera. La Sandrelli vede infrangersi sul selciato le sue speranze di diventare una star del cinema perché gli uomini che le girano intorno la sfruttano e la illudono. Tra questi c’è Adorf, che è un attore che mi piace un sacco. Un genitore tedesco e uno italiano, Adorf si è mosso senza problemi da un set all’altro mostrando enorme versatilità: lo trovi nelle commedie italiane anni ’60 e lo trovi nei film tv tedeschi alla Derrick, per lui nessun problema.
La vita corre sul filo” di Pollack, con Poitier e Bancroft è un thriller che si svolge nello sguardo di Sidney Poiter e nell’ansia di aiutare una donna che dall’altro lato di un telefono amico segnala la sua volontà di suicidarsi. Poiter non è esperto, ma è di turno, e ormai ha preso in carico il caso. Tutto quello che deve fare è trattenere la Bancroft a lungo, molto a lungo, affinché possano rintracciare la chiamata e impedire il suo gesto. Questo film è interessante perché non c’è mai nessuna allusione al colore della pelle di Poitier, non è rilevante per il plot.
Rapimento” di John Guillermin con Patricia Gozzi, Dean Stockwell e Melvyn Douglas. La Gozzi l’ho citata già in un film con Hardy Kruger. A me questa attrice piace molto, è davvero intensa e drammatica. Qui veramente siamo in un contesto di puro e assoluto squallore, perché la Gozzi vive una vita solitaria in un luogo isolato col padre Melvyn Douglas. Un giorno arriva nei dintorni un evaso, e la Gozzi fa amicizia con lui. Lei ha bisogno di vivere, mentre il padre vorrebbe tenerla in casa e buttare la chiave. È uno di quei film che sembra che fuori sia autunno e che piova anche se è mezzogiorno di una giornata di maggio.
La decima vittima” di Elio Petri, vede Mastroianni e Andress in un futuro imprecisato darsi la caccia a vicenda. C’è una specie di reality show in giro in cui ci sono i cacciatori e le prede. I cacciatori devono uccidere 10 prede, e le prede devono sfuggire loro. Non si può mai sapere i gusti della gente. Questo futuro ha comunque i colori degli anni ’60, lo stile e la criniera di Ursula Andress che guarda caso è una delle più brave cacciatrici. Deve far fuori Mastroianni, ma prima vuole un po’ giocare al gatto e al topo.
Bunny Lake è scomparsa” di Otto Preminger, è un cupo thriller con Keir Dullea, Carol Lynley e Laurence Olivier. A dire il vero Olivier ha una parte molto marginale, fondamentalmente è il film della Lynley e di Dullea. Per chi non avesse dimestichezza con questi volti, la Lynley fu attiva a cavallo tra i ’60 e il ’70 ed è una delle vittime del Poseidon, mentre Dullea è la star di 2001 Odissea nello spazio ed è un attore che si è sempre fatto i fatti suoi, non è mai diventato star di prima categoria, ma si è scelto delle parti interessanti come questa qui. Insomma Dullea è il fratello di Lynley, e non si trova la bambina di lei. L’hanno portata a scuola, ma nessuna l’ha vista, le maestre non l’hanno vista, le amiche nemmeno. Questa bimba non esiste. La Lynley se la sarà immaginata? Lei è certa di avere una bimba, è certa, esiste!
Il collezionista” è uno dei film meno noti di William Wyler, con Terence Stamp e Samantha Eggar. Stamp, di lui non c’è mai da fidarsi. Ha deciso che invece di collezionare farfalle gli piace collezionare ragazze, e un giorno cattura la Eggar e la chiude nel suo scantinato. Lui non ha fatto niente di male, la Eggar viene trattata coi guanti, ha da mangiare, ha di che svagarsi, ha tutto, basta solo che sia felice di essere reclusa a vita da un pazzo e che non provi mai a scappare, che ci vuole?
1966
Eccoci al ’66, che bello quest’anno di cinema, bello! Qualche riga su altri generi e poi passo ai film che mi vien voglia di ricordare.
Qolga” è un corto che ho trovato in youtube del regista Kobakhidze. Si tratta di un ragazzo che vive da solo lungo i binari del treno e ha un’amica che ogni tanto lo va a trovare. All’improvviso un ombrello prende vita e inizia a volare da solo. In quest’anno parte la serie “Tre nipoti e un maggiordomo”, con Brian Keith e 3 baby star, ciascuno con la sua dose di sfortuna personale. Questa serie ha i colori e le moquette giuste per immergersi negli anni ’60. Ovviamente questo è l’anno di “Star Trek”, di “Batman” e “Mission impossibile”. Si tratta di tre serie di culto che tutti ovviamente ben conoscono. Tra i rari film tv di buon livello degli anni ’60 c’è uno di Rossellini: “La presa del potere da parte di Luigi XIV” che è anche uno dei film preferiti del padre da parte di Isabella. Poi esce la famosa versione animata del Grinch che ruba il Natale.
Chi ha paura di Virginia Woolf?” è il film che regala a Liz Taylor il suo secondo oscar. Ci sono solo 4 personaggi (vabbé 6 c’è una scena al bar) che sarebbero Liz Taylor e il marito Burton, George Segal e Sandy Dennis. Sono uno più bravo dell’altro. Nel film sono due coppie, una che sta insieme da un po’ e l’altra di recente formazione. Burton e Taylor hanno un passato difficile da superare, ma tirano avanti. La loro casa è lo specchio della loro persona, è piena di cose ingombranti e fuori posto, e tra i due ci sono frecciatine ogni secondo, qualcuna passa inosservata e qualcuna fa assai male. I due sposini sono praticamente scioccati. La scena cult per me è quando Liz Taylor dichiara al marito che pur con tutti i suoi difetti non è comunque un mostro. Sandy Dennis pure brava assai è una delle attrici dimenticate di fine anni ’60.
Persona” è un film di Bergman in cui ci sono due donne, Bibi Andersson e Liv Ullmann. La Ullmann è muta e la Andersson è la sua infermiera. La Andersson parla parla e la Ullmann ascolta e ascolta. Il legame tra le due è forte e particolare. Si vedono sempre più spesso e la Ullmann sembra migliorare, mentre la Andersson mostra una certa inquietudine. Parla, ma a se stessa, e la Ullman risponde anche senza dire niente. Lentamente i loro volti cominciano a somigliarsi sempre di più, e la voce di Bibi diventa la voce di Liv. Non c’è più distinzione tra le due, sono diventate una persona sola. Si stanno fondendo. Ma non è mica possibile una cosa simile.
La nera di…” è un film di Ousmane Sembene, cioè uno dei primi e rari film di autori africani. La storia è molto semplice, c’è una ragazza senegalese che va a servizio in una casa di una coppia francese. Lontana dalla famiglia la ragazza ha il suo lettino, le sue riviste, le sue scarpe, le sue sensazioni, ma la coppia presso cui lavora la considera come il vaso a centro tavola o il quadretto appeso accanto alla porta. Le giornate passano e la ragazza si spegne poco a poco. Tutto qua, ma provate a vedere lo stesso se è tutto qua.
Incompreso” è il drammone strappalacrime di Comencini con Anthony Quayle che diventa vedovo e non si accorge della sofferenza del primogenito, che si sacrifica per il bene del fratello minore viziato dal papà. Non che Quayle sia cattivo, per carità, è solo che non se ne accorge. Il ragazzino gli vuole bene lo stesso e un giorno un ramo fa crac e lui si fa male. Madonna quanto si piange con questo film, cioè è impossibile, nel senso che è non-possibile non commuoversi quando papà e figlio si parlano finalmente a cuore aperto. L’attore protagonista ha recitato solo questo film, oggi è un medico, è stato bravissimo con almeno 4 esse.
La caccia” di Carlos Saura è un film in cui ci sono alcuni amici che vanno a caccia di conigli. Fa troppo caldo. Dovrebbero dar retta ai conigli, ma invece si mettono a ricordare il passato e non so chi glielo fa fare, perché da quel momento nessuno più è al sicuro, e si danno la caccia a vicenda. Vediamo chi ci resta secco.
Davvero c’è tanto in quest’anno: Manfredi e Adorf alle prese con San Gennaro, le solitudini dell’uomo e la donna di Lelouch, i russi che sbarcano negli USA e Fahrenheit 451 di Truffaut. Poi Polanski gira Cul de Sac con la sorella della Deneuve, Eastwood non manca un colpo e le foto di Antonioni di Blow-up dove le mettiamo? Mi sono divertito un sacco con la partita di poker di “Posta grossa a Dodge city”, e l’asinello Balthazar di Bresson è uno dei finali più drammatici della storia, non pensavo che avrei retto tutta la visione di “Andrej Rublev”, e invece sì, e poi c’è il realismo mai visto della “Battaglia di Algeri”. E potrei anche continuare. Uno dei miei anni preferiti insomma.
1967
Siccome col 1966 ho preso per le lunghe, volevo sintetizzare col 1967, ma pure qui c’è un sacco di bei film. C’è pure “The big shave” che è uno dei primi lavori di Scorsese. Un uomo si rade e si taglia. Purtroppo per lui, il taglio non è un taglietto, giusto così perché si trova in youtube e dura 5 minuti.
Il mio film preferito di quest’anno è “La calda notte dell’ispettore Tibbs”. Io non l’avrei mai detto, mi dovete credere, ci avrei scommesso nemmeno 2 centesimi perché i polizieschi un po’ mi stufano, e poi i film che parlano di razzismo negli anni ’60 siccome li sto vedendo in sequenza ne ho visto un casino e poi forse il titolo non mi ispira, ma invece sono rimasto attaccato subito dai primi minuti, adoro Steige e Poitier, e quando Poitier schiaffeggia a sorpresa il tizio nella serra vi giuro è una delle scene più intense e belle e vere, ho cliccato su 10 su IMDb e da lì non cambio idea.
Il problema è che ho messo 10 anche a “indovina chi viene a cena?” che ha il dubbio onore di essere il film dagli albori al 1967 che ho visto più volte in vita mia, ne conto con certezza 6. Potrei dire di che colore sono i fiori nei vasi e quanti calzini ha Tracy nell’armadio. In questo film per me funziona tutto, mi manda dei brividi di nostalgia di un’epoca della quale sono un prodotto culturale, sono un GenX nel midollo probabilmente e sarà per quello che questo film non mi stanca mai.
Non ce la faccio a non segnalare almeno il titolo di “A piedi nudi nel parco” e devo dichiarare che anche se il finale di “Riflessi in un occhio d’oro” è qualcosa di davvero particolare, Robert Forster in quel film è di una bellezza sconvolgente. I colori di “Le Samourai” di Melville sono elegantissimi, il film è una goduria per gli occhi. Poi ci sono i filmoni da macho di Lee Marvin tipo “una sporca dozzina” e c’è Paul Newman e Dustin Hoffman, Dirk Bogard fa venire i brividi in “Tutte le sere alle nove” quando torna a prendere possesso della casa coi 7 figli che ha abbandonato e in “La bisbetica domata” la coppia Burton-Taylor funziona anche se mai lo diresti in quell’ambientazione lì.
Gli occhi della notte” vede Audrey Hepburn nei panni di una cieca che vive al piano terra di una bella casa dove ogni cosa è giusto dove deve essere, ma a quanto pare Alan Arkin è convinto che ci sia anche qualcosa che gli serve per evitare di essere accusato di omicidio. La Hepburn è all’oscuro di tutto (oddio che battuta) ma scema non è, così quando uno strano visitatore si insinua in casa sua con le scuse più formidabili lei inizia a sospettare. È uno dei thriller meglio congegnati mai visti questo qui, e non è nemmeno di Hitchcock! Non avevo mai realizzato quanto siano importanti le lampadine nel frigorifero.
New York: ore tre- L’ora dei vigliacchi”, questo titolo mi fa cagare però il film è bello. C’è la gente che prende la metro per tornare a casa, però è tardi e due grandissimi stronzi e cioè Tony Musante e Martin Sheen hanno voglia di divertirsi a modo loro, così entrano nella metro e iniziano a infastidire uno dopo l’altro tutti i passeggeri. C’è una quantità di arroganza, prepotenza e violenza gratuita in questo film che davvero la mascella si spacca dalla rabbia repressa che ti suscita. Si vede che il film funziona. È quando tu stai per fatti tuoi e questi ti devono bullizzare e non solo: la gente non alza 1 dito per aiutarti! Veramente, questo film è fatto bene. Per non parlare dei poliziotti che appena riescono a entrare nel vagone con chi se la vanno a prendere? No quello proprio non l’ho potuto soffrire! Bel film.
L’armata a cavallo” di Miklos Jancso è un film che fa venire il mal di testa. Siamo in guerra, è la guerra civile russa, ma non è importante, potrebbe essere una qualsiasi guerra. Qui non riusciamo a prendere posizione, la guerra fa schifo non importa di quale fazione tu sia. 10 minuti di film con gli occhi di una fazione e i loro progressi e le loro vittime, nemmeno fai in tempo a riconoscere i volti di queste persone che vengono fatte fuori dagli avversari, e Jancso ti trascina altri 10 minuti dalla loro parte, ti fa vedere i loro progressi e le loro vittime, i loro villaggi desolati e le torture. Ci rimani male, ma ecco che si passa all’altro punto di vista. E’ un film intelligente ed elegante.
C’è ancora lo choc incredibile di “Gangster Story” con il picco di bellezza di Faye Dunaway e il sangue che esplode sulla bianca pelle di Bonnie e Clyde, così come bianca immacolata è la schiena di Catherine Deneuve, perfetta protagonista di “Bella di giorno” di Bunuel, altro film simbolo dell’epoca, un’epoca in cui andavano i film di sexploitation tipo “Vixen” e roba del genere, pieni di tette e recitazione di serie b, ma che entravano a pieno nella cultura di fine decennio, che si sta avvicinando a quel ’68 di cui tanto spesso abbiamo sentito parlare come di una sorta di spartiacque culturale.
Per finire, è intelligente e complesso il volto di Bekim Fehmiu in “Protest” di Fadil Hadzic, ma che le h e le z non ingannino, il film si vede e si capisce perché parla di un’insoddisfazione che non ha bisogno di vocabolario. Poi c’è il cult camp “la valle delle bambole” con la sfortunata Sharon Tate, gli occhi penetranti della Mangano in “Edipo Re”, centomila spaghetti western, è l’altro drammone di Bresson “Mouchette”, con protagonista una ragazza che racchiude in sé tutto il bullismo subito da tutti gli adolescenti della storia della Pubblica Istruzione, veramente solo chi ha il cuore di pietra non si commuove con questa ragazza qui.
1968
Non mi pare vero che sto scrivendo del 1968 perché è l’ultimo anno che ho finito di vedere e anche se questa carrellata non vale poi molto almeno l’ho portata a termine, il che per me vale molto.
Prima di iniziare una piccola deviazione: in quest’anno c’è l’esordio di Spielberg, col corto “Amblin’” da cui quindi deriva la sua casa di produzione che è la Amblin Enterteinment! Altro corto è lo sperimentale “Hermitage”, di Carmelo Bene. Tra le mini-serie esce quest’anno l’Odissea di Franco Rossi. Fu un clamoroso successo riproposto dalla tv nostrana per vent’anni. Il ritmo è lento, ma i volti di Bekim Fehmiu e quello di Irene Papas sono senza tempo. Grandissimo l’episodio con Polifemo e ovviamente il finale coi Proci. Prima di diventare nota come cantante e presentatrice, Loretta Goggi era una precocissima attrice e la “Freccia Nera” fu uno dei suoi più noti successi.
Ok, allora andiamo veloci veloci, con lo stiloso “Diabolik” che era il bel John Phillip Law; le torture che patisce Alan Bates nell”’uomo di Kiev” pochi altri nella storia; Sordi è medico nella muta e Franco Nero aveva gli occhi più celesti mai visti. Sellers fa pisciar sotto anche le statue in “Hollywood Party” mentre la Vitti prende in mano la pistola e si colloca nella sua dimensione comica dopo anni di Antonioni. Rod Steiger è un gay represso ne “il sergente”, mentre Terence Stamp non fa preferenze di sesso in “Teorema” di Pasolini.
Steve McQueen è l’essere più figo mai apparso sulla terra in “Bullitt” e “Il caso Thomas Crown” ma nemmeno Clint Eeastwood scherza e voglio vedere chi scampa a un impiccagione come in “impiccalo più in alto” e chi è scazzato come lui in “L’uomo dalla cravatta di cuoio”.
Fuoco!” di Gian Vittorio Baldi è la sorpresina nell’ovetto Kinder del 1968. Siamo in un paesello del sud Italia e un tizio spara alla statua della Madonna durante una processione, poi si barrica in casa, con la moglie e il bambino che se la fanno sotto, e col fucile in mano si rifiuta di uscire e di dare spiegazioni. Poche parole, un set poverissimo, nemmeno tante spiegazioni ma per 1 ora e mezza sei nella casa e forse nella testa di questo ragazzo. Bellissimo film!
La sposa in nero” di Truffaut è la storia della vedova nera Jeanne Moreau (quanto mi è piaciuto questo film) che si era sposata da 5 secondi che le ammazzano il marito sulle scale della chiesa. Pensa prima di buttarsi dalla finestra poi decide che invece le conviene dare la caccia ai killer del marito. La curva della bocca della Moreau è perfetta per questa parte e vi assicuro che il modo in cui si ingegna per far fuori quei quattro è incredibile. Purtroppo questo film mi fa anche venire in mente la storia di Marta Russo ma lasciamo perdere.
L’urlo del silenzio” è il film che Alan Arkin per me prima valeva 6, 6 e mezzo mentre adesso invece sotto il 9 non scende. Arkin è un sordo muto ed è così solo, ma così solo, che lui il lockdown ce l’ha di default. Mi fa venire la forchetta in gola. Comunque sia affitta una camera in una casa con una famiglia sgangherata ma tutto sommato ok, e fa amicizia con Sondra Locke. Ma nemmeno lei è il vaccino che può curare la sua solitudine. Malinconia a quintalate.
Duello nel Pacifico” di John Boorman ci sono 2 persone solamente e cioè Lee Marvin e Toshiro Mifune. Sono in guerra e sono da soli in un’isola sperduta. Ognuno dei due vuole far fuori quell’altro, ma alla fine prevale la voglia di sopravvivere, chissenefrega se devo chiedere aiuto al nemico. Il finale di questo film, io sottoscritto dichiaro che David Lynch l’ha visto e gli è piaciuto.
E ora acceleriamo su quel pacco gigante pieno di innovazione che è “La notte dei morti viventi”, sul sudore e il calore di “C’era una volta il west”, il mio Leone preferito, sull’indelebile statua della libertà del “Pianeta delle Scimmie”, sui brividi che fanno venire lo sguardo di Sidney Blackmer e i sorrisi di Ruth Gordon in “Rosemary’s baby”, uno dei film che più mi ha fatto cagare sotto in vita mia, per dire due righe in più su “Kuroneko” di Kaneto Shindo, che è la storia di una vendetta operata da due donne vittime di stupro e poi uccise da una gang di samurai. Le due diventano dei fantasmi e uno dopo l’altro, in un’atmosfera onirica e agghiacciante conducono i samurai nel loro nascondiglio per farli fuori senza pietà alcuna. Un film con le palle.
Mi rimangono 2 film, il primo è “2001: odissea nello spazio” e io ho paura a parlare di Kubrick perché su Kubrick tutti hanno un’opinione e sanno argomentare meglio di me, così mi limito a dire che questo film l’ho visto come quando giochi agli incremental e fai prestige. La prima volta 15 minuti, la seconda volta ho retto 30 minuti, la terza volta 1 ora e la quarta volta finalmente avevo le skill giuste e ho goduto da pazzi.
Il mio film preferito del 1968 è “The Swimmer” di Frank Perry e Sydney Pollack, con Burt Lancaster. Lancaster si mantiene bene anche se ha già i suoi anni sulle spalle, e un giorno compare nella villa di amici, si fa una vasca in piscina e poi dichiara che se ne torna a casa a nuoto, passando da piscina in piscina, di villa in villa, lungo tutta la vallata. Armato solo del suo costume, si incammina verso la seconda piscina: una vasca e due chiacchiere coi padroni. Le persone che vede sono inizialmente cordiali e felici di parlare con lui, ma a ogni villa qualcosa non sembra andare per il verso giusto: c’è chi sbruffa, chi gli rinfaccia qualcosa, chi esplicitamente lo manda a quel paese. Lancaster stesso perde lo slancio e un po’ il sorriso. Se a un certo punto si sentiva così bene da poter reggere il confronto con un cavallo, improvvisamente si fa male e inizia a zoppicare. La villa successiva pare più lontana, e più ostile. Ad ogni villa scopriamo un pezzo della vita di quest’uomo, e lui con noi. Non possiamo sentire l’acqua sulla pelle, ma ti monta l’ansia. Lancaster pare invecchiato, i suoi piedi sono sporchi, i suoi occhi lucidi, le sue labbra sofferenti. Un’altra villa, e pare trascinarsi, e una piscina ancora, e nuota a fatica, e finalmente casa.
Non ho dormito la notte perché non volevo fare il mio sogno ricorrente in cui sogno di partire dalla mia casa di bimbo per arrivare alla mia casa attuale, e parto di corsa per poi andare piano, sempre più piano, per poi trascinarmi, fino a che non vedo la porta in lontananza, e non riesco ad aprirla, mai.
submitted by yabluz to italy [link] [comments]

Ramón Lobo: Las urnas y el casino. Lo que le ha pasado a Matteo Renzi en Italia con su referendo fallido le va a suceder a Manuel Valls en las presidenciales de Francia. Combatieron vías de indignación ciudadana como el 15-M, Occupy Wall Street y otras similares.

Ramón Lobo: Las urnas y el casino. Lo que le ha pasado a Matteo Renzi en Italia con su referendo fallido le va a suceder a Manuel Valls en las presidenciales de Francia. Combatieron vías de indignación ciudadana como el 15-M, Occupy Wall Street y otras similares. submitted by EDUARDOMOLINA to podemos [link] [comments]

2020 Playing Card Holiday Gift Guide

My favourite decks from the past year

Playing cards make the ideal gift, particularly the many beautiful custom decks available nowadays. Almost everyone can use a deck of cards at some point, so they have an instant and universal appeal, especially if a deck has some customized artwork and is packaged in an appealing tuck box.
In this list I want to focus on some of my favourite decks that have come out in the past year 2020. This year has been a challenging year for many of us in light of the coronavirus that has swept across the world. But in the middle of all this darkness, there have also been some bright spots, which include the brand new crop of custom decks that have appeared in the marketplace.
The suggestions I'm making are very much a matter of personal choice, and other playing card enthusiasts might make other choices. I haven't seen each and every deck that hit the market in the past year, and there are undoubtedly plenty of other worthy decks that qualify for a list like this. I've also not included any decks that have haven't yet been produced, even if they have been crowdfunded. This list strictly covers decks that you should be able to obtain from online retailers and resellers. I've also not included so-called "hype decks" that sell out almost immediately at the publisher level (e.g. Fontaines), but only those that enter retail channels and are more widely and readily available.
I've also included links to where you find them at PlayingCardDecks so that you can see images of the tuck boxes and cards for each item, and because they're the retailer I personally buy playing cards from the most. But you should be able to find these decks at most online retailers.

Popular Series

Several series of playing cards have become brands of their own, and achieved nearly cult status from collectors. This past year has seen some great additions to the line-ups from popular series that include big names like Jerry's Nuggets, Cherry Casino, and NOC.
Jerry's Nugget Aqua Playing Cards - Jerry's Nuggets are a modern icon in the world of playing cards, due to the cult status of this deck, which was praised by cardists around the world. It was originally printed in the early 1970s, and was so much in demand in recent decades that copies fetched over $500 in the secondary market. A very successful reprinting of the original blue and red decks happened in 2019, and in the past year we've seen multiple reprints in different colours. Among my favourites in this series are the bright colours like orange, yellow, and green, which have all appeared in the past year. But there's also something for those who prefer a more muted look, such as steel and black. For more in this series, see Jerry's Nugget decks.
Cherry Casino Tropicana Teal Playing Cards - The Cherry Casino decks capture a retro vibe, and are a throwback to the old fruit machines from gambling halls, with their distinctive cherry artwork. For me the real appeal of this series lies in the gorgeous card backs, which have a metallic sheen making them feel instantly different from all other decks. The face cards are all quite standard, so that makes them ideal for card games or card magic. Multiple new colours continue to appear in this series, such as Flamingo Quartz Pink, and most recently McCarran Silver. For more in this series, see Cherry Casino decks .
NOC 3000X2 Purple Playing Cards - The acronym NOC originally stood for Nothing Only Colour, and in line with this the initial decks in this series were all very minimalist. Many people like to collect and use the NOC decks, and over time the series has evolved somewhat. The most recent releases show some new splashes of creativity, and with the NOC 3000X2 deck we travel into the future, past the year 3000. Vibrant purples and pinks inhabit the landscape of the cards, for a very modern and flashy look that is particularly well suited to cardistry. This particular deck is also available in a matching pink version. For more in this series, see NOC decks.

Popular Brands

There are several big brands that you can count on for quality, and this year was no exception, with big companies like Theory11, Ellusionist, and Art of Play all continuing to contribute wonderful playing cards to the market.
James Bond 007 Playing Cards - When it comes to glamorous tuck boxes, it doesn't get much better than the luxury of playing card producer Theory11. This wonderful deck is a tribute to agent 007, James Bond. I collect most of the Theory11 decks, and this one is particularly terrific, with a supreme tuck box, and Bond-inspired paraphernalia on the court cards and on the card back. Close observers will find many Bond gadgets and more. Theory11 have put out several stylish releases in the past year, another one being the Hollywood Roosevelt deck. For more, see Theory11 decks.
Shadow Masters Legacy v2 Playing Cards - One of the companies at the forefront of the custom playing cards movement was Ellusionist and their Black Tiger deck continues to be a modern icon. While they've since been overshadowed by the many custom decks produced in the crowd-funding era over the past decade, they continue to produce some memorable decks from time to time that are worth picking up. The Shadow Masters Legacy v2 is a black deck in the classic Ellusionist style, and represents the kind of thing that made them great to begin with. A jet black background is the chief feature of this deck, and the red and white used for the artwork and pips stands out beautifully against the inky black. This deck compares favourably with any other deck from the modern era. For more, see Ellusionist decks.
Yellow Wheel Playing Cards - The brand Art of Play is the home of influential cardists Dan and Dave Buck. Their Red & Blue Wheel decks are among my all-time favourite decks, with gorgeous metallic inks as part of a split-pip design. The Yellow Wheel deck is their latest entry in the Wheel series, that retains the original card backs but now in yellow. But the highlight is the card faces, with the split pips employing a stunning metallic silver that complements the cards beautifully. This is a completely custom deck that is certain to impress anyone who sees it. Art of Play produces many new decks each year, and their Henry & Sally deck is a fun novelty release also worth checking out. For more, see Art of Play decks.

Popular Designers

They are a very select group, but there are some notable designers in the playing card industry who have developed a real name for themselves, have generated a large following of loyal fans, and continue to produce high quality custom decks on a regular basis.
Italia Radiosa Playing Cards - Italian designer Giovanni Meroni is the man behind Thirdway Industries, and his playing cards are in high demand from collectors around the world. His signature style is immediately recognizable in each of his decks, and this one is no exception. Along with its companion Italia Segreta, it's themed around the wonders and secrets of Italy. The unique court cards are the real highlight, showcasing Giovanni's usual creativity and style. The number cards are also fully custom. These are the kinds of decks that will hold their value well in years to come. If you want even more vibrant colours, check out Modern Idols, from the same creator. For more, see Giovanni Meroni decks.
Postage Paid Playing Cards - Behind the brand Kings Wild Project is Jackson Robinson, who is one of the few professional designers that actually makes a living out of designing playing cards. This deck was inspired by the idea of playing cards functioning as postcards, each with its own stamp and post paid stamp. All 50 US states are represented on different cards, and everything about this deck is fully customized. This deck was produced in only limited numbers, so it will be out of stock in most places. But if you're quick, you can still grab Jackson Robinson's General Admission deck, which applies a similar concept to tickets, with each card representing a vintage ticket stub from the early 20th century. For more, see Jackson Robinson decks.
Kodiak Playing Cards - From popular designer Jody Eklund and his Black Ink Playing Cards Company, comes this delightful deck of playing cards that is geared to the poker player and collector. The cards have a very classic look, but offer a fresh take on the designs of the court cards and pips. Jody is highly respected for his approach to graphic design, and these cards will prove an excellent choice if you like playing card games, and want to bring something stylish and attractive to the table. For more, see Jody Eklund decks.

Magician Decks

Most magicians can perform their magic with any deck, but typically they prefer to do card magic with a deck where novelty and customization are minimal, so as not to distract from their magic. These decks are well suited to performing magic, and contain bonus gaff cards or other secrets that enable them to produce miracles not possible with ordinary decks.
Card College Playing Cards - These decks are a tribute to the most outstanding modern teacher of the fundamentals of card magic, Roberto Giobbi. Mr Giobbi is the author of Card College, a series of best-selling books which are the modern gold standard for learning card magic. Available in red and blue, these decks are simple and practical for the working magician, and as a bonus each contains two double backer gaff cards. If you want more luxury, check out the stunning Luxury 3 Deck Set, which has even more stylish cards, individually numbered tuck boxes with unique origami style features, packaged in an attractive acrylic box - the ideal collectible or gift for magicians.
Remedies Royal Blue Playing Cards - The Remedies decks come from popular creators Daniel Madison and Daniel Schneider, and this is a successor to the Remedies Scarlet Red deck. Many collectors love the Black Roses brand of playing cards, and collect whatever they produce. This blue Remedies deck has a classic and minimalist look with bold blue card backs, and is very functional and practical. The inclusion of a special Angle Zero gaff makes it ideal for magicians.
DMC Elites Red v5 Playing Cards - Of all the marked decks I own, the DMC Elites is easily my first choice whenever I want a marked deck with cards that can be easily read from a distance, due to the clever and yet almost invisible marking system it uses. This deck has previously been released in several different colours, and now incorporates Tamariz's Mnemonica stack. All you need is the deck, but there is a terrific Passport book available separately, which will give you some great ideas for routines you can pull off with this great marked deck. For more, see Marked decks.

Cardistry Decks

Card flourishing has really boomed in recent years, and especially shines when cardists use a deck that has colourful and striking patterns optimized for cardistry, that enhance the visual aesthetics of cards in motion, as these decks show.
Neon Orange Cardistry Playing Cards - This deck represents Bicycle's attempt to meet a demand for a relatively low-cost deck geared towards card flourishing. The card backs have a geometric design, and the faces are all identical and completely non-standard, showcasing the latest evolution in playing cards optimized entirely for cardistry. Bright colours ensure that the cards look visually appealing in fans, spreads, and flourishing moves. Alongside this vibrant orange deck is its blue companion, the Neon Blue Aurora deck.
Autumn Circle Cardistry Playing Cards - Tally Ho is a classic brand that USPCC has been producing for a long time. The circle back design of the typical Tally Ho deck has become iconic, and is especially appreciated by those who enjoy card flourishing. Each year the folks at Bicycle produce some in-house decks for special occasions, and the Autumn Circle Back deck is a lovely result. The colours capture the warmth and glow of autumn leaves and the mood of harvest time, while the pattern on the card backs is perfect for cardistry.
ArrowDynamix Cardistry Playing Cards - Given the high volume of cardistry decks appearing all the time, it can be difficult to come up with something completely original, but this minimalist deck has accomplished exactly that. Each card features a giant vertical arrow on the card backs, and a giant horizontal arrow on the faces. With carefully choreographed sequences and moves, you can create truly unique patterns and effects that you simply can't achieve with any other cardistry deck.

Animal-themed Decks

Do you love animals, or do you have an animal lover in your life? There are a lot of wonderful custom decks that are tributes to our four legged friends, or depict some of our favourite creatures.
Woof and Whiskers Dog Playing Cards - The real appeal of this deck is the cute tuck box, which has cardboard ears that fold up, to complete the look of the friendly dog on the front of the box. I would have liked to see some more customization with the number cards, but it's still a very charming deck, with delightful custom artwork on the court cards and aces. This is one of two Zoo 52 decks, so if you like the Dog deck, you'll also want to pick up the Playful Paws Cat deck, which is equally cute.
Aviary Playing Cards - There are a lot of independent creators that produce Bicycle branded playing cards with the help of industry giant USPCC, but this big name producer also releases its own in-house decks. This is my favourite of their four newest releases that hit the market at the end of 2020, and is a very classy looking deck with artwork inspired by a traditional look, but with adjustments to give it a custom feel, and the presence of several birds carefully positioned throughout the deck. Of the four new releases from Bicycle, the Sea King deck is also proving to be very popular.
King of Tigers Playing Cards - If you're looking for a deck with bling, this is it. The card backs have a borderless tiger skin pattern, which has been printed with some of the latest technology that makes use of foil for a truly eye-catching look. The tuck box is even more glamorous. While the court cards are clearly inspired by traditional courts, the Jokers bring back the tiger theme strongly, and the tiger skin look recurs throughout the deck.

Food-themed Decks

Recent years have seen some wonderful novelty decks themed around different kinds of food. These are always a great way to whet your appetite for a card game, or to show off to family or friends, and have proved a real hit with collectors.
Squeezers V3 Playing Cards - Good luck getting your hands on decks from this extremely popular series from Organic Playing Cards, because they sell out quickly. These fruit inspired decks have delightful tuck boxes, and this grapefruit themed deck even comes in a tuck box that looks like a juice box, and is actually scented like grapefruit. The cards themselves are quite practical, but add humorous grapefruit themed elements to the court cards, and new bold colours. OPC's 2020 releases also included the watermelon-themed Carvers deck, while their current release sees the brand go in a slightly new direction with the corn-themed Shuckers.
Noodlers Chicken Playing Cards - If you like the concept behind the Organic Playing Cards series, you'll probably also enjoy this deck, which has a similarly styled tuck box to the Squeezers decks, but represents a packet of ramen noodles. The orange colour on the card backs and pips has also been inspired by the noodles theme. The artwork on the court cards has a quaint and cute style, with each character depicted in a light hearted style quite different from standard courts, and all holding a bowl of noodles. For a final laugh, the Jokers provide us with the necessary packet of "chicken seasoning" to add to our noodles.
Citrus Playing Cards - Created by Flaminko, the Deliciousness series has been somewhat overshadowed by the more successful fruit inspired cards from Organic Playing Cards. But I love the Flaminko decks, because they apply customization to all elements of the cards, including the pips. This novelty deck is well suited for card flourishing, card games, and collectors, and cleverly captures all that is juicy and wonderful about citrus fruit.

Music-themed Decks

Music is another evergreen theme, and there's a solid range of lovely decks for the music lover, whether your taste is classical or more contemporary rock-and-roll.
Composers Mozart Playing Cards - This deck is part of a series that also includes other composers like Bach. These decks are true collector pieces, and make a wonderful tribute to some of the greatest composers of all time. The tuck boxes have a very classical look, and metallic ink enhances the gorgeous card backs. Meanwhile completely custom artwork on the faces emphasizes a vintage and classical feel. They are great for music lovers and collectors, but if classical music isn't your thing, then check out the Rock and Roll deck.
Piano Player Playing Cards - If the piano is your instrument of choice, this is a deck for you. The creative tuck box is available in two styles, one with two black keys and the other with three black keys, which means you can place two decks alongside each other to create a larger keyboard. Fully custom characters inhabit the court cards, with the keyboard motif returning in the details of the artwork. Small touches like this really make this creative deck a thing of unique beauty.
Soundboards v3 Midnight Playing Cards - Remember the old walk-man cassette players? In the 1980s these revolutionary electronic devices were among the first to make your personal music collection portable. The Soundboards deck replicates the look of a classic walk-man, and the Jokers complete the look by bringing the cassette tape look into the box. This Midnight edition has a dark look, so you might also want to consider the red deck if you prefer a more traditional colour.

Fiction & Film themed Decks

Most of us love a good story, whether it's in the pages of a novel or on our screens. Here are some great custom decks that are loving tributes to some of the best from the worlds of fiction and film.
Jane Austen Playing Cards - Fans of the classic novel will appreciate the loving treatment that Jane Austen's famous novels have received in this delightful tribute from the Art of Play label. Each suit represents a different novel, with the court cards featuring the lead characters in the story. The design of the characters is inspired by period costumes and reflects the fashions from the time in which the stories are set. The classy tuck case ensures that everything is nicely packaged and well presented.
Star Wars Playing Cards - Theory11 achieved a real coup by acquiring the rights to bring the Star Wars brand to playing cards. They were the perfect company to ensure that the result was a classy deck that did justice to the world of the films. This pair of Light Side and Dark Side decks begins with a top quality and highly attractive tuck case, as we've come to expect from Theory11. The court cards all feature different characters from the movies, and the design is the perfect blend of customization and playability, making this a practical deck you can bring out for your favourite card game, or to give to the Star Wars fan in your life. A similar pair of decks was produced later in the year in White and Black.
King Arthur Playing Cards - The result of a collaboration between Riffle Shuffle and Studio Muti, this pair of red and green decks tell the story of the famous Arthurian legend. For me it's a personal and nostalgic childhood favourite, in light of the adventure and imagination it evokes. But as impressive as these decks are, they pale besides the King Arthur Gold deck, which has gold metallic ink on the faces, and gold foil on the card backs, for a truly extravagant look. Inside and out, this is a stunning tribute to a timeless classic from the world of fiction.

Space-themed Decks

So I cheated. I already have a section devoted to cardistry, so I figured I'd sneak in a second category, by including some cardistry decks that all have a space theme. These decks all feature colourful visuals that work well for flourishing, but can also be enjoyed by collectors who appreciate their vibrant colours and exuberant designs.
Solokid Constellation Playing Cards - This set of twelve decks captures the twelve different star signs. It was produced by Bocopo, a company well known for producing colourful custom decks that appeal especially to cardists and collectors. These decks are typical Bocopo offerings, with evocative colours that are unique to each different deck, to help capture a different feeling for each and every constellation. If you like vibrant colour, you'll certainly find something to enjoy here.
Stargazer New Moon Playing Cards - Several different decks have now appeared in the Stargazer series, but the recent New Moon deck is probably my favourite. The circular moon that appears on all the card backs makes it an ideal deck for card flourishing moves like spins and twirls. The face cards have some truly vibrant colours, and capture well the feel of a night sky bursting with colour and life.
Sirius B v3 Playing Cards - I fell in love with the style of the original Sirius B deck, so this third edition was always going to win me over. The court cards consist of a blur of colours that look like paints mixed together, and this style has also been applied to the pips. The colours are the real appeal here, and the signature design of the card backs also looks very nice in card flourishes.

Transformation Decks

I personally adore transformation cards, and consider them to be one of the most fascinating and memorable types of playing cards there is. The idea is that you take the pips and incorporate them into a larger picture that forms a unique work of art, for each and every card in the deck.
Cotta's Almanac #1 Reproduction Playing Cards - This historic deck was first created in 1805 by J.C. Cotta, and was the very first of its kind. Themed on the "Joan of Arc" play by Schiller, the beauty and creativity of these cards will still win over collectors today. Lovingly produced in a high quality modern edition, this recreation is the first of the entire series of Cotta transformation decks that is being reproduced by PCD.
5th Kingdom Playing Cards - This deck is possibly my favourite original release from PCD in the past year. It is an outstanding example of the creativity and originality of a semi-transformation deck, where the pips have been cleverly incorporated into the artwork. Each suit represents a different culture, turning each individual card into a work of art that can be admired and enjoyed.
Pack of Dogs V2 Playing Cards - This transformation deck is the work of John Littleboy, who has produced a number of such decks in his inimitable style, including Pack of Dogs, Kitten Club, Mermaid Queen, and Bag of Bones. The number cards are my favourites, and in this deck each of these represents a larger art piece with a dog. Each suit has a progressive image, so they don't feel totally unique from each other. It's more like a series of consecutive snapshots, and you can use flip animation to tell the story. Littleboy's Kitten Club V2 deck applies a similar concept to cats.

In-House Decks

PlayingCardDecks doesn't just sell playing cards, but Will Roya also uses his wealth of experience to team up with designers and graphic artists to produce high quality custom decks under the PCD label. Here are some great custom decks that were published in-house over the course of 2020.
Astronaut Playing Cards - This novelty deck is a delightful creation that will please anyone who has an interest in space and space travel, in light of its unique theme. The Kings are all depicted as astronauts, while the Queens and Jacks represent space travellers. The card backs have a futuristic look with neon lights, and this look carries over to the number cards, which are highly customized with unique red and blue pips.
Beekeeper Playing Cards - There are plenty of bee themed playing cards already on the market, but the artwork style gives this one a truly unique feel. Two decks were produced, one with light card backs and the other with dark card backs. This is a great novelty deck for the collector, because there's especially some delightful creativity to be found with the bee-inspired pips, and the detailed custom artwork on the court cards.
Testament Classic Playing Cards - This is a Biblical themed deck created by artist Ben Green. It's intended as an art deck, with the images on the cards depicting Biblical characters from well-known narratives. Representing a dual love for playing cards and a love for Bible-inspired art, this deck will especially appeal to the collector.

Out-of-the-Ordinary Decks

I'm a sucker for highly unusual decks with a high degree of novelty, and even though these are not ones I'd typically use for playing card games, they have very unique features that make them stand out from your average custom deck.
Starry Night Puzzle Playing Cards - Fancy a deck that doubles as a jigsaw puzzle? This clever deck takes its inspiration from Vincent Van Gogh's famous painting, The Starry Night. The artwork on the card faces is all taken from the painting, and all the cards can be pieced together to make a single giant picture, thus effectively functioning as a large puzzle. Yet each card has clear indices so it's still something you can use for card games too. Definitely unique and out of the ordinary, this set of playing cards is a perfect choice for fans of classic art and paintings.
Falcon Razors Deluxe Throwing Playing Cards - Rick Smith Jr has made multiple world records in throwing playing cards. His baseball background holds him in good stead, but anybody can learn to throw playing cards if you use the techniques Rick teaches. These throwing cards were a collaboration with legendary flourisher De'vo, and were featured in one of this year's viral videos from Dude Perfect, which featured Rick and his amazing card throwing. The cards are slightly thicker than standard Bicycle stock, to ensure extra durability and performance for card throwing.
AQUA Invisible Plastic Playing Cards - If you're looking for something completely different, this might hit the mark. This is a ground-breaking deck that is the closest thing to being invisible. All the cards are made out of completely transparent plastic, after which a high gloss transparent printing is applied to selected areas of the cards to produce the designs and pips. So each card is effectively completely transparent, and yet you can see its unique artwork and determine its value and suit. The handling is surprisingly better than you'd expect for a completely plastic deck, and it's certainly something unique.

Other Gift Ideas

Do you want to let your gift recipient make their own decision about what to get, or are you not quite sure what to buy? Here are a couple of special gift ideas that might help out, even if it is to give your family or friends a convenient way to enable you to select your own gift!
Firstly, there's a wide range of accessories available for playing cards, like card clips, card cases, and more. Alternatively, consider a gift card, which is available in amounts of $10, $25, $50, $100, and $200. There's also the popular Pip Box Club, which has been around for over two years. Subscribers get a selection of decks and goodies shipped to them each month, and offers great value with each box.
Boxing Day Sale: Right now you can take advantage of a special sale at PlayingCardDecks, and save $10 off any order over $30 by using the code box20. This coupon is valid from Boxing Day until the end of 2020.
Happy shopping, and happy holidays!
submitted by EndersGame_Reviewer to playingcards [link] [comments]

A Cinematic Guide to The Weeknd: Pt 3. My Dear Melancholy and After Hours

A Cinematic Guide to The Weeknd: Pt 3. My Dear Melancholy and After Hours

My Dear Melancholy

Gaspar Noe/Cannes Film Festival
The My Dear Melancholy era notable for being a time when The Weeknd was in proximity to a lot of serious directors. While he’s had a foot in Hollywood for awhile, 2017 through 2019 he was actively engaging with filmmakers like the Safdies Brothers, Gaspar Noe, and Claire Denis, amongst others. While he had been actively courting the Safdies since Good Time was released, he attended the 2018 Cannes Film Festival where he crossed paths Noe, whose film Climax took home a number awards at Cannes. Noe’s Enter the Void had previously served as an inspiration for Kiss Land, and for MDM (and later After Hours) seem to call back to Noe’s other films, like Irreversible and Love, which are both twisted depictions of heartbreak. On the other hand, Climax is about a French dance troupe who accidentally take LSD, and according to Noe is not a “message” movie. It is an audacious psychedelic technical exercise, with numerous long takes and highly choreographed set pieces. The idea for Noe, who had previously captured the feeling of drugs in previous films, was to do the opposite, and present the objectively reality of drugs, watching people high from a sober perspective.
Noe is a rather strong advocate of film, and the opening scene of Climax features VHS boxes of a number of films that have influenced his filmmaking. Two of note are Schizophrenia, otherwise known as Angst, one of Noe’s favorite films which The Weeknd name checked to the Safdies, and Possession, which would go on to be an influence on After Hours (more on this later). He is also said to have sat next to Benicio Del Toro at Cannes, which means he likely caught some of the Un Certain Regard section, where Del Toro served as a jury member. Outside of that section, there were a few other films of interest such as The House That Jack Built from Lars Von Trier (The Weeknd has previously expressed affection for Von Trier’s Antichrist), Mandy from Pastos Costamos, and music video director Romain Gavras’s The World Is Yours, as well as a restoration of 2001: A Space Odyssey, which Noe has referred to as the film that got him into filmmaking.
https://preview.redd.it/qga7a3l8ct261.png?width=910&format=png&auto=webp&s=371cf20d42ee8783cc23bfe7f2cfa16a0a927a0e
Asian Cinema
Later in 2018, The Weeknd continued his globetrotting with a tour of Asia. He once claimed in an interview that whenever visiting a foreign country he only watches films from there. I’ve previously written about the influence of Asian cinema on Kiss Land, and there’s not enough work from the MDM era to glean anything cinematically adjacent to this, but now would be a good time to mention that the "Call Out My Name" video was heavily inspired by the work of famed Japanese photographer Hiroshi Sugimoto. The Asian tour poster seems to be a reference to Ichi the Killer, which leads us to Takashi Miike. Though he is notoriously prolific across a number of genres, his most popular works internationally are genre melding blends of horror, comedy and crime, most notably Audition, Ichi the Killer and Gozu. Another film worth mentioning is Perfect Blue, Satoshi Kon’s masterwork about a pop star’s mysterious stalker that The Weeknd posted about on Instagram before. Bloody and haunting, the film was a major influence on Darren Aronofsky’s Black Swan and Requiem for a Dream. In Interviews he has also mentioned a number of Korean films, such as The Wailing, I Saw the Devil and Oldboy. While Wong Kar Wai was previously mentioned as an influence on Beauty Behind the Madness, also worth mentioning is the work of John Woo, specifically A Better Tomorrow, well known for the shot of smoking a cigar off money, and Infernal Affairs, Andrew Lau’s crime classic which served has the basis for Scorsese’s The Departed.
https://preview.redd.it/fx7o9s2bct261.png?width=642&format=png&auto=webp&s=0fec2f841e9d3b09104238d0f89595daa6140faa
https://preview.redd.it/n4x7fiy9ct261.png?width=1316&format=png&auto=webp&s=8a9650263272518216fc5f36913e80a10d2b0a8e

After Hours

Martin Scorsese
While After Hours more so than any other Weeknd album is bursting at the seams with cinematic references, the influence of Martin Scorsese stands above all. Similar to The Weeknd’s body of work, many Scorsese’s are explorations of violence and masculinity, investigating them from a perspective that depending on who you ask (and how they’re feeling) glamorizes, condemns or just simply presents the reality of characters on the fringes of society.
While there are direct references to a number of prominent Scorsese films, what’s interesting is that his influence also reverberates in other films/filmmakers that influence After Hours. Todd Phillips’s Joker is in effect an homage to Scorsese’s loner-centric New York films, and the Safdie Brothers have been putting their own millennial spin on the type of 70s gritty thriller that Scorsese trafficked in (Scorsese was also a producer on Uncut Gems). Specific Scorsese works will be discussed more in depth in the requisite sections, but it is worth mentioning upfront what a prominent role that Scorsese plays in the nucleus of After Hours.
https://preview.redd.it/wcds9qpdct261.png?width=1196&format=png&auto=webp&s=246c560c72340782e26ad03b8ff63367999eaadd
Urban HorroIsolation
With After Hours, The Weeknd departs from the slicker sounds and influences that permeated Starboy and returns to the cinematic grittiness of Beauty Behind the Madness. While urban horror is a theme that permeates throughout The Weeknd as a project overall, there is a thorough line to be drawn here that follows a number of 70s and 80s cinematic and aesthetic references. For one thing, while the initial bandaged nose was a reference to Chinatown (previously, The Weeknd has a Kiss Land demo titled "Roman Polanski"), the full bandaged face that is so prominently featured throughout the After Hours era is a classic cinematic visual trope that was especially prominent throughout 60s and 80s, though it saw a slight re-emergence in the 2010s. The fully bandaged face is often used to remake someone in the image of another, usually against their will (The Skin I Live In, Eyes Without Face), or as a case of mistaken identity and doppelgängers (Good Night Mommy, Scalpel), themes present throughout much of After Hours. The "Too Late" video acknowledges these references, but instead presents the bandages on two Los Angeles models recovering from plastic surgery, in a nod to a famous Steven Meisel’s photoshoot for Vogue Italia.
https://preview.redd.it/dtbxjc3ict261.png?width=900&format=png&auto=webp&s=66a98cc3cba73d502f8586a215a65cc41c5408a1
The “masks” people wear is another horror trope that is featured prominently on After Hours, and this is best seen in the red suit character. One important reference in the film is to Brian De Palma’s Dressed To Kill, where a serial killer is targeting the patients of a psychiatrist (any more on this film will veer towards spoiler territory). The Weeknd is on the record as saying Jim Carrey’s The Mask as being a large influence on the Red Suit character, it being one of the first film’s he watched in theaters. One of the more complex references would be to Joker. While it sort of an in-joke that the character of the Joker is commonly overanalyzed and misinterpreted, referencing Todd Phillips’s Joker is more nuanced because it is in essence a full on homage to Martin Scorsese’s New York films, most notably Taxi Driver and The King of Comedy, which focus on eccentric loners, and can both be seen as cautionary tale of urban isolation, a theme explored perhaps in songs like "Faith." The King of Comedy revolves around a would be obsessive stand up Rupert Pupkin haggling his way to perform on late night TV, with The Weeknd’s talk show appearances being a prominent part of the early After Hours marketing, most notably in the “short film”. This idea of isolated and compressed urbanites recurs throughout After Hours and it’s films.
https://preview.redd.it/egap17ttdt261.png?width=900&format=png&auto=webp&s=1aab204ac0845a7df74ceeff6d1f714274f9ace0
The idea of urban repression is in the subway scene of the After Hours short film. The entire film itself is something of a reference to the subway scene to Possession (another Gaspar Noe favorite), mimicking the (also subway set) scene in which Isabelle Adjani’s Anna convulses on the subway due to a miscarriage, as well as Jacob’s Ladder, a 90s cult classic horror film starring Tim Robbins as a Vietnam vet (like Taxi Driver’s Travis Bickle) who is experiencing demonic hallucinations, encountering them in the subway and later at a party he attends, splitting the scene into two.
https://preview.redd.it/g53copgmct261.png?width=900&format=png&auto=webp&s=9d29e368ae695d295b36039e86125ccfd7b4eb88
Las Vegas
As always, The Weeknd once again grounds After Hours with a strong sense of place, this time setting the album against a nocturnal odyssey through Las Vegas. One of the most prominent films is Fear and Loathing in Las Vegas, Terry Gilliam’s adaptation of Hunter S. Thompson’s book. This is directly referenced in the "Heartless" video, which sees The Weeknd and Metro Boomin in the Johnny Depp and Benicio Del Toro roles as they tumble through a Las Vegas casino. The Weeknd has gone on the record to state that the famous red suit character was influenced by Sammy Davis Jr.’s character in the film Poor Devil. However, similar red suit has also been sported by a number of Vegas characters, most notably Richard Pryor and Robert De Niro’s Sam Rothstein in Martin Scorsese’s Casino. With the red suit, The Weeknd seems to be playing with the idea of a devil-ish other, another side of his personality that emerges in Las Vegas.
https://preview.redd.it/gjow6hq2dt261.png?width=1992&format=png&auto=webp&s=10a379bc26df54af88064bf64813d5cdd29775d9
While the city lights are the oft discussed part of part of Las Vegas, it should be noted that similar to Beauty Behind the Madness, the desert that surrounds Las Vegas is just as important to the juxtaposition of its beauty. The "Until I Bleed Out" video ends/"Snowchild" video in the desert, similar to the confrontation between Robert De Niro’s and Joe Pesci’s showdown in the desert in Casino, as well as Joe Pesci's death in Goodfellas. The idea of a hedonistic desert playground also bears semblance to Westworld, both the film and the TV show. The desert seems to represent some sort of freedom to The Weeknd, as the "Snowchild" video portrays the desert as a pensive location for reflection, as well as the "In Your Eyes" video showing the girl prominently dancing with the dismembered head out in the open, in reference to The Texas Chainsaw Massacre, another prominent desert film.
https://preview.redd.it/98ec10wxct261.png?width=1168&format=png&auto=webp&s=45e29aa361fa41ff74e2a6017e203015bdcbc6c3
New York/The Safdies
Despite it’s Las Vegas setting, After Hours also takes a good amount from films set in New York, most notably Martin Scorsese’s 1983 film After Hours. Besides the title, After Hours is similarly about a twisting and turning nighttime odyssey. The film stars Griffin Dunne as Paul, a working class stiff who heads downtown to rendezvous with a woman he met at a diner earlier that night. Of course, things don’t turn out the way they should, chaos ensues, and Paul is set on a dangerous trek back uptown. Like the film, the album After Hours is set off by a woman (though the album takes more stock in romantic endeavors), seems to be set over a single night (or at least a condensed period of time), and involves similar chaos and misadventures (sirens at night at the end of Faith). Tonally, After Hours the film is more comedic perhaps than After Hours the album, however The Weeknd is on the record as having said that "Heartless" and "Blinding Lights" placement on the album is intended to be somewhat comedic, reflecting exaggerated machismo and ecstasy, respectively (to comedic effect).
https://preview.redd.it/f3w7yz4pdt261.png?width=1346&format=png&auto=webp&s=fe7e4f003987fd843020a42a5b53f94092984267
Another of the most prominent filmmakers of After Hours are the Safdies, who featured The Weeknd in Uncut Gems. They also served as a link to Oneohtrix Point Never, who scored their last two films and later worked After Hours. I believe there are three major film tropes (not genres) that inspired After Hours, all of which the Safdies’s have engaged with. There is the one-long-night films, in which a character spends one-long-night on the run from whatever chaos and forces may be that they left in their path. This can be seen in the Good Time, as well as After Hours (the movie). Then, there is the descent-into-madness type, where a character slowly loses grip with reality and ends up in over their head (something like Scarface or Breaking Bad, but for our purposes Jacob’s Ladder can be categorized here as well), which the Safdies did with Uncut Gems. Lastly, but maybe most importantly, the Safdies also explored toxic romance (more on this later) in their less seen film Heaven Knows What, about two heroin addicts and the destructiveness their love brings out in each other, an idea that recurs throughout After Hours on songs like "Until I Bleed Out" and "Nothing Compares." A recurring song throughout Heaven Knows What is Isao Tomita’s synth version of Debussy’s "Claire De Lune", which is featured in some episodes of Memento Mori and bears some resemblance to the start of "Alone Again".
https://preview.redd.it/em255b5qdt261.png?width=1344&format=png&auto=webp&s=a5226c9496d0ae5c14b6d6c05e16f5ea18678a9a
Obsession/Toxic Romance
While love and lust and the ups and downs with it have been a formative part of The Weeknd’s ideology and themes, I don’t think it would be remiss to say that After Hours is perhaps his most outwardly romantic album. Despite this, one of the major arcs of the album is toxicity that comes with it, which a number of already mentioned films deal with. While "In Your Eyes" is one of the more romantic and accessible songs on the album, a re-assessment of it Ala Sting’s “Every Breathe You Take” could frame it as lonely obsessing, such as Travis Bickle’s infatuation with Jodie Foster’s teenage prostitute Iris, Joker's fixation on Murray Franklin, Rupert Pupkin’s obsession with Jerry Langford. Casino also deals with toxic romance, another prominent theme in After Hours, best seen in the love triangle that forms between Sam, his partner Nicky and his wife Ginger, played by Joe Pesci and Sharon Stone respectively.
https://preview.redd.it/eq1ioijvdt261.png?width=898&format=png&auto=webp&s=f9e4b781ee60762ae767c4dbd92066357ebc24b0
In almost all of the After Hours’s video content, The Weeknd seems to constantly meet his demise at the hands of women. Another interesting reference that may be something of a reach is to Phantom Thread, Paul Thomas Anderson’s film about Reynolds Woodcock, a couture dressmaker loosely based on Cristobal Balenciaga and his muse Alma, played by Daniel Day Lewis and Vicky Krieps, respectively. The film delves into their dysfunctional relationship, with Woodcock berating her and Alma poisoning his tea to keep him dependent on her. One of the highpoint of the film is a New Years Eve Party that bears strong resemblance to the "Until I Bleed Out" video. While the balloons may just be a callback to his earlier work, there is something about the color grading/temperature and the production design of the "Until I Bleed Out" video (as well as parts of the "Blinding Lights" video) that made me immediately think of Phantom Thread. A similar relationship is seen in the German horror film Der Fan, which The Weeknd has mentioned in a recent interview. In Der Fan, a young girl Simone spends her days obsessing over popstar R, until she finally encounters him outside his studio. The film is similar to the aforementioned Takashi Miike’s Audition in its exploration of obsession and idealization. In the film, an older man puts up a fake casting call to search for the perfect girlfriend. While Audition explores these themes from an Eastern perspective of societal pressure, Der Fan explores it through a Western lens of pop idolization and idealization. Both films deal with the idea that despite outward appearances, the perfect partner does not exist, and anyone that claims to be (or has the expectations put on them) is not who they seem.
https://preview.redd.it/3m661q62et261.png?width=1342&format=png&auto=webp&s=c9377018cb53f67cf7ce95b24392afb471e4aec1
One film he has spoken at length about is Trouble Everyday, Claire Denis’s arthouse vampire movie. The film stars Vincent Gallo as Shane, a scientist who travels to Paris under the guise of his honeymoon to track down core, a woman who he was once obsessed with who has now become a vampire. Core is locked up in a basement but sometimes sneaks out to seduce and consume unwilling victims. This seems to be where some of the bloody face stuff comes from, but I believe it’s influence is a little more conceptual. To me, a good companion film to Trouble Everyday is American Psycho, which seems to also have been a thematic influence on After Hours. Both films concern idealized version of masculinity and femininity, both very sexual and physical, but hostile as well. American Psycho ends with Patrick Bateman confessing to the killing of a prostitute, but no one believe him. Trouble Everyday ends with Shane killing Core, but Shane is unable to arouse himself after that except through violence. Koji Wakamatsu, a former Yakuza turned prominent extreme Japanese filmmaker (and a major influence on Gaspar Noe) is quoted as saying “For me, violence, the body and sex are an integral part of life.” Despite being hollow, idealized impressions of the self, a vampire and as a banker (cold, seductive bloodsuckers = monsters), Patrick Bateman and Core represent the Frankenstein-ian relationship between sexuality and violence, which I believe is the main theme of After Hours. Truly, we hurt the ones we love.
https://preview.redd.it/zfllbd83et261.png?width=900&format=png&auto=webp&s=9c048ee98d86d7bbb9db67fa8302d34c36214c4f

Postscript

To cap things off, I would just like to illuminate some key takeaways. As a filmmaker myself, this has been an extremely helpful exercise in understanding other artists process and ideas.
Steeped in the history of the medium…
It’s clear that The Weeknd is not your typical “I’m influenced by cinema” artist but an extremely legit film buff with serious credentials. The Weeknd’s film taste leans towards 70s-00s genre works, mostly horror, drama and thriller, and is well versed in the classics but also has the nose to sniff out deeper cuts and obscurities. The mantra of “good artists borrow, great artists steal” works even better if not many people know where you’re stealing from! What is impressive to me is that he is not just versed in “mainstream” obscurities, but also serious deep cuts. Films like Possession and Phantom of the Paradise may not stick out to the average person on the street but are well known in most film circles. Films like Inland Empire and New Rose Hotel (Der Fan was especially impressive to me, it is one of my favorite films) however are not as well known and it is very impressive to me that he can come across films like that, and really get enough out of it to bring into his own work.
…is able to interpolate contemporary/mainstream films…
This perhaps is one of the most impressive aspects of his integration of film into The Weeknd’s work. It is very easy for film buffs to get lost within their own obscure taste, living in a world where everyone is an idiot for not knowing who Shinya Tsukamoto. Trilogy and Kiss Land had a lot of contemporary obscurities, like Stalker, David Lynch etc., well known but they still existed as artifacts, not of the time we live in. However, perhaps picking something from his work on Fifty Shades of Grey, of late he has kept his finger on the zeitgeist and anticipated/integrated what the filmmakers of today are doing, such as his work on Black Panther and Game of Thrones, general appreciation of Tarantino, the works of Nicolas Winding Refn in Starboy, and his use of the Joker and Uncut Gems on After Hours, both of which came out just a few months before the album. It feels Jackson-esque, and I believe this is one thing that will help him further in his quest for pop stardom.
…while also being fully in tune to the works of modern transgressive auteurs…
In addition to keeping up with the mainstream is in touch with, The Weeknd also makes it a point to seek out and learn from the cutting edge filmmakers of today. While the Safdies were always going to blow up, I don’t doubt that a Weeknd co-sign accelerated their rise. Gaspar Noe is one thing, Enter the Void and Irreversible exist as masterpieces of the mainstream obscurities I’ve been mentioning, but he really truly tries to understand the heart of Noe’s work, even going so far back as to understand Noe’s influences (I sincerely hope he is tuned in to the work of Koji Wakamatsu). But most of all, to be a fan of Claire Denis is one thing, but to seek her out and make her an offer that she ACCEPTED is absolutely astounding to me. Just spitballing but it would be like if Michael Jackson shot a music video with Rainer Werner Fassbinder (who I’d bet good money that The Weeknd was put on to by Noe). We can only PRAY that one day we will be blessed with a David Lynch Weeknd video.
---------------------------
…and that just about does it. Hope you enjoyed this and thanks for being patient with me. I got quite busy after the first two and had my own projects/work going that kept me occupied. As we’re still technically in the After Hours era, I also wanted to wait until a few more videos and interviews came out to aid me in my research.
I also wanted to find enough time to make the Letterboxd for this. I personally don’t love Letterboxd culture, I find the popular culture surrounding the site a bit snobbish and exclusive, but I’ve gotten a number of requests for one and you gotta give the people what they want. Throughout the list are a few films that he hasn’t mentioned but are some of my personal favorites and I believe Weeknd fans will like, I encourage you to accidentally stumble upon things on it. Don't overthink, just pick something and watch!
If you’d like to follow me further, you can find me on Instagram here, where I post about film reviews Letterboxd style. I prefer Instagram so that more average people see it instead of an echo chamber of film snobs. I am also a filmmaker myself, I just recently wrapped this short film and am currently in the process of putting together my next project.
The main reason I did this however, besides a general appreciation of The Weeknd’s work, was to put more people on to the beautiful art form that is cinema. One thing I learned from Scorsese is that one must be an advocate and truly champion your medium. I hope that this encourages to check out more interesting movies than they wouldn’t normally come across, and I hope this will inspire more people to create more as well, whether it be to write, make films, music, anything. If even one person picks up a pencil, a camera or a keyboard because of these posts, I will be satisfied.
Thanks all!
submitted by eve_salmon to TheWeeknd [link] [comments]

Il mio viaggio nella storia del cinema: dal 1960 al 1964

Sono quasi al termine della mia carrellata nella storia del cinema, perché attualmente mi sto godendo la visione dei film del 1969, nice, e ne avrò certo per 2 mesi. Quindi col prossimo post mi metto in pari, ma intanto ecco qualche spunto per questi 5 bellissimi anni di cinema che sono la prima metà degli anni '60.
1960
Di quest’anno ho visto 275 titoli e ho dato almeno un 8 a 47 film, è un grande anno di cinema ma ne segnalo giusto 5, e tutti italiani! E per complicarmi la vita non parlo né della Dolce Vita, né dell’Avventura, né di Sordi e nemmeno della Ciociara. Mi sono piaciuti? Certo che sì, perché a qualcuno no?
Era notte a Roma” di Rossellini mi piace tantissimo. Intanto è il mio film preferito con Giovanna Ralli, che prima della Ferilli c’era lei, e poi c’è Leo Genn (Petronio di Quo Vadis?), il mio beniamino Renato Salvatori e in un ruolo commovente il russo Sergey Bondarchuk, il quale tra l’altro nel 1959 aveva diretto e interpretato l’intenso e ottimo “Il destino di un uomo”. Torniamo alla Ralli che in piena WWII vive in una casa all’ultimo piano di un palazzo ed escogita gli espedienti del caso per portare a casa un po’ di zucchero, del vino o della pasta. Siccome è sveglia, i partigiani la scelgono per ospitare in gran segreto tre soldati alleati su in soffitta. La Ralli si ribella ma alla fine fa il suo dovere, e i 3 sono al sicuro. Per accedere al soffitto c’è un passaggio segreto dietro l’armadio (Anna Frank mi viene in mente), e i 3 diventano amici tra loro e amici suoi. Ora però il problema è che siamo in guerra e che è un film di Rossellini, non di Walt Disney. Quindi tenetevi pronti.
Adua e le compagne” invece è un gran cast al femminile capitanato da Simone Signoret con il buon supporto di Emmanuelle Riva e Sandra Milo. Molto prima di “Ciro! Ciro!” la Milo era attrice di culto degli anni ’60, e non solo in mano a Fellini. In quest’anno per esempio è accanto a Lino Ventura in “Asfalto che scotta”, per dire. Certo è la Milo, la voce è quella, la figura è quella, la verve anche. Qui hanno da poco chiuso le case chiuse e sfrattato le Signorine che le popolavano. Signoret decide quindi di mettersi in affari e avviare una trattoria in un casolare di periferia insieme alle amiche. Faranno a turno in cucina e ai tavoli, e magari se qualche cliente vuole qualche massaggio, perché no? L’idea funziona e la trattoria va bene, ma le amiche cominciano a voler cambiare vita, o si rendono conto che in realtà non possono. Ci sono quindi 4 reazioni diverse causate dagli eventi che si susseguono. È un film in cui si sorride e che ti dà un po’ di malinconia, ma si sente l’odore di frittata, di cipolla, di basilico.
Dolci inganni” di Lattuada è il primo film che ho visto con Catherine Spaak. Per me la Spaak era una presentatrice tv. Da ragazzo guardavo Harem, o anche Forum quando lo presentava lei. Sì, sapevo che aveva recitato, ma non ci avevo mai fatto caso veramente, mi aspettavo un paio di film senza pretese. Invece, anno dopo anno nel mio percorso cronologico mi accorgo che nella prima metà degli anni ’60 la Spaak aveva i ruoli migliori, era bellissima, brava e tra le attrici più famose. È stata una rivelazione per me. Teniamo presente che la Spaak aveva nel 1960 solo 15 anni. Era bravissima! Per l’età che aveva spesso aveva parti alla Lolita. Qui ad esempio è attratta da un amico di famiglia che ha quasi 40 anni. La Spaak era seducente, fresca, intrigante. Gran sorriso. Questo film e anche altri successivi mi sono parsi modernissimi: la settimana prima vedi le attrici americane con le gonne a campana e il filo di perle del dado Knorr, la settimana dopo c’è la Spaak che flirta con un architetto. Magnifica.
La maschera del demonio” è uno dei film del filone italiano horror. Quando leggo horror penso al sangue e alla motosega elettrica, quindi non faccio una faccia contenta, mi stufo. Però a fine anni ’50 si attiva questo piccolo genere in cui emergono mostri e vampiri che in breve si afferma e crea uno stile invidiato ovunque. Sì, qui una donna viene uccisa con una maschera piena di chiodi acuminati, ma non devi metterti le mani davanti agli occhi perché fa troppo impressione. C’è il giusto bilanciamento tra suspence, storia, effetti speciali e ridicolaggine. Non sono film di livello A+ però sono veramente tipici di quest’epoca, ti fanno capire meglio di altri il gusto di chi andava al cinema in questi anni e per questo per me sono interessanti.
Rocco e i suoi fratelli” è un film che voglio rivedere, ma non so quando sarò pronto per rivederlo. Quest’impressione me la fanno pochi film, quelli che mi colpiscono così in profondità che devo prepararmi psicologicamente alla visione successiva, e anzi devo prima capire se voglio affrontarla. Schindler’s list, Se7en, Casino e Full Metal Jacket sono altri film che mi hanno fatto lo stesso effetto. Dunque qui abbiamo una famiglia di emigrati che va a vivere in un seminterrato a Milano. Sono tanti in poco spazio e si arrangiano. La matriarca è l’ottima Katina Paxinou che capisce e gestisce con pochi sguardi. I figli sono Rocco e i suoi fratelli. C’è qualcosa di buono in questi ragazzi, ma c’è anche la vita in agguato. Le strade che prendono sono forse prevedibili se vogliamo, ma questo le rende anche più tragiche. Una donna entra nella vita dei fratelli Alain Delon e Renato Salvatori. Ora, c’è una scena in cui Alain Delon è disteso sul letto, un po’ sbilenco, con lo sguardo rivolto verso la telecamera, e quella scena è indelebile nella mia memoria, è come se Visconti mi sussurrasse all’orecchio quello che vuole dire. Ma ovviamente il dramma che si consuma tra Salvatori e Girardot è ovviamente il cuore del film ed è la scena che non voglio mai più vedere, perché nel farlo perderebbe forse la carica di sorpresa, sgomento, emozione che mi ha trasmesso la prima volta e ci resterei male, o peggio ancora mi renderebbe ancora più sorpreso, sgomento ed emozionato della prima volta, e ci resterei secco.
1961
Di quest’anno ho visto 250 titoli, e 45 hanno preso almeno 8. Compresso tra due anni fantastici, il 1960 e il 1962, qui mi esalto meno, ma ci sta.
Madre Giovanna degli angeli” di Jerzy Kawalerowicz è uno di quei film che ti fa sentire figo e intellettuale già solo a pronunciare il nome del regista, ma il punto è che mentre scrivo queste righe ho in mente la scena della suora posseduta dal demonio che spalle al muro fronteggia il giovane sacerdote inviato nel convento a indagare, e capisco che quest’immagine così potente è scena da grandi film. Tutto il film è inquietante e malato, intanto sembra più vecchio di quello che è, pare realizzato negli anni ’40, il che secondo me aggiunge disagio alla visione. Però negli anni ’40 alcune scene sarebbero state solo abbozzate e il film avrebbe avuto un diverso impatto. Il prete scoprirà come mai il demonio ha preso possesso del convento?
L’anno scorso a Marienbad” di Alain Resnais è un film che non ci ho capito niente. Lo confesso. Tuttavia, mentre lo guardavo con estrema perplessità ne restavo ugualmente affascinato. Come un bimbo che è schifato da uno scarafaggio spiaccicato sul pavimento e però vuole vederlo ancora più da vicino, più passavano i minuti e più cercavo di capire dove voleva andare a parare Resnais, più mi arrendevo e mi lasciavo ipnotizzare. Alla fine non mi interessa se non ci ho capito niente, so solo che per un’ora e mezza sono stato preso e portato in un altro posto e ho visto qualcosa che non avevo mai visto prima. Per cui, mi è piaciuto.
La primavera romana della signora Stone” di José Quintero invece è un bel melodramma. C’è una signora che fa un viaggio a Roma e si imbatte in un giovane gigolò. Tutto qua ma attenzione: lei è Vivien Leigh e lui Warren Beatty. La Leigh aveva 50 anni mentre Beatty 25. Lei era una rosa conservata tra le pagine di un vecchio diario, lui è il rumore dell’acqua del mare sugli scogli; nello sguardo di lei ci sono tante risposte, quello di lui ti fa fare mille domande. Bellissima e tormentata la Leigh nel suo penultimo ruolo, bellissimo e spavaldo Beatty nel suo secondo ruolo: combinazione da non perdere.
I peplum andavano tanto a inizio anni ’60. Cinecittà era invasa da sandali, toghe, Circi e Meduse. L’epoca d’oro di questo genere è quella che va dal 1958 al 1963 circa. Per ogni Marvel di oggi c’erano 2 Ursus all’epoca. Sansone, Argonauti, Macisti contro Zorro e assurdità del genere. Grandi massi di polistirolo, matrone romane coi capelli stile Jackie Kennedy, ave Cesari e muscoli luccicanti, la gente adorava i peplum. Tante erano le star di questo genere che però non riuscirono a farsi un nome al di fuori. Tutto finì probabilmente con 2 film e cioè la Caduta dell’impero Romano, che fu un fiasco, e Cleopatra, che mandò il genere in burnout e dopo nessuno ne voleva più sentire parlare.
I musicarelli, a loro volta, erano un genere tipico degli anni ’60, In realtà si estendono più o meno dal 1958 al 1972, ma trovano l’apice coi vari Gianni Morandi, Rita Pavone, Caterina Caselli e Little Tony, quindi verso il 1964-67. Bisogna considerare che da Modugno in avanti i canzonettisti dei primi anni ’50 erano già surclassati. Andavano ora gli urlatori. Nasce una generazione di artisti fortunatissima, che in gran parte ancora oggi ha largo seguito, basti pensare a Mina, Vanoni, Celentano, che si affacciano volentieri al cinema di quegli anni. I musicarelli si somigliano: ci sono giovani protagonisti il cui amore è osteggiato dalle famiglie o giovani di talento che cercano di farsi strada nel mondo della canzone. Questi sono i temi. I primi musicarelli sono sequenze di canzoni intercalati da qualche scena con Nino Taranto onnipresente, i successivi sono un po’ più maturi e le canzoni sono più integrate con le storie. Per esempio quelli con Morandi sono così. Verso la fine degli anni ’60 c’era già invece un cambiamento nel gusto sia musicale sia proprio culturale, e si vede che il genere sta per arrivare al capolinea.
1962
Quanto mi piace quest’anno di cinema! Forse è il mio preferito di sempre? Ne ho visti 254 di titoli e ho dato almeno 8 a ben 81 titoli. Secondo me è perché non mi aspettavo che mi piacesse così tanto, provo a spiegare. Quando ero ragazzino io i protagonisti del cinema italiano di questi anni mi sembravano così vecchi e antiquati, che a prescindere io non li amavo e mi rifiutavo di vedere questi film. Sapete come succede coi ragazzi, per loro una moda di 3 mesi fa è archeologia. Quindi quando in tv uscivano Manfredi, Tognazzi, Gassman, Sordi, Mastroianni & co, sbruffavo e dicevo uff che palle e me ne andavo a giocare al Commodore64. Questa è la mia epoca. Ora, trascorsi 40 anni, fedele al mio proposito di guardare di tutto senza preconcetti e con gli occhi di chi vede per la prima volta questi film, resto sorpreso: siamo in un’epoca d’oro del cinema italiano e non solo: le città, le auto, gli abiti, i modi di dire, i gesti degli attori di tutti gli anni ‘60, mi riportano flash dei miei genitori, dei miei nonni, delle persone che vivevano negli anni prima che nascessi io. È come assaporare momenti di una vita che non hai potuto vivere, è bello! Queste cose di cui sto blaterando hanno senso solo a livello personale, certo, d’altra parte questa rassegna “è personale” e non ha la pretesa di indicare quanto oggettivamente di meglio sia uscito in questi anni. Tenuto a mente ciò ecco 5 titoli, giusto per non fare impazzire la scrollbar di chi legge. E lo so che non ho messo Sorpasso, Baby Jane, Antonioni, Kubrick, Frankenheimer e Gregory Peck.
L’angelo sterminatore” di Bunuel è sorprendente. Questo regista aveva iniziato molto tempo prima, 33 anni, col corto d’avanguardia “Un cane andaluso”, quello della lametta negli occhi per intenderci. La sua fase surrealista è importante però mi intriga meno. Dopo un lungo periodo di titoli passati in secondo piano, negli anni ’50 comincia a girare film tra virgolette più classici. Il Bunuel degli anni ’60 per me è a livelli eccezionali. Nell’angelo sterminatore c’è un ritrovo con molte persone che bevono e conversano e flirtano e si disprezzano a vicenda. Ogni volta che qualcuno prova a andar via cambia idea, o viene bloccato, o succede qualcosa di strano per cui non riesce. All’inizio nessuno ci fa caso, ma col passare delle ore inizia a montare l’ansia perché è chiaro che sono tutti intrappolati, come in una sorta di incantesimo. Man mano scarseggia il cibo, l’acqua, e la volontà cede: non riescono ad andar via, sono in gabbia, intrappolati. Il titolo, e il motivo per cui questo succede ognuno lo deve capire da solo.
Anna dei miracoli” non ha niente a che vedere con le aureole ma è la storia molto commovente di una ragazza con gravi disabilità e della sua maestra, che sono Patty Duke e Anne Bancroft. Mentre per tutti la ragazza non è che un caso umano da trattare praticamente solo col pietismo, per la Bancroft è un essere umano capace di comprendere e apprendere, che va educato e a cui bisogna dare delle regole per il suo bene. La sfida che ha davanti la Bancroft è tremenda, perché per ottenere pochissimi risultati ci vogliono settimane di lotte. Il film è una grande prova di attrici, entrambe spettacolari. C’è una lunghissima sequenza nella sala da pranzo, quando Patty Duke si rifiuta di mangiare in ordine e la Bancroft si ostina a insegnarle come fare, che ti lascia senza fiato.
L’uomo senza passato” è un film di un regista francese, Bourguignon, con un protagonista tedesco e cioé Hardy Krueger, e una ragazzina talentuosissima, Patricia Gozzi. Hardy è un veterano, che soffre di amnesia in seguito agli choc subiti in guerra, e vive una vita solitaria e malinconica. Un giorno incontra una ragazzina con la quale stringe un rapporto di amicizia. Lei è sola e ha bisogno di una figura paterna, lui è solo e ha bisogno di sentirsi utile e di voler bene a qualcuno. C’è tanta tenerezza in questo film, e malinconia. Per quanto solo a leggere di un’amicizia tra un veterano e una ragazzina molti subito possono pensare a risvolti poco piacevoli, qui non è mai in discussione l’eventualità che possa succedere qualcosa di male alla ragazzina. Kruger è un gran attore che rifiutò anche una nomination ai Golden Globe ai suoi tempi. La Gozzi a mio parere è tra le migliori baby star di sempre. Al suo attivo solo 6 film nei quali però è sempre formidabile.
L’odio esplode a Dallas” è un film di Roger Corman con William Shatner prima che finisse sull’Enterprise. Shatner non è mai stato uno di quei attori per cui ci si strappa i capelli, ma è bello vederlo in un ruolo diverso da quello a cui siamo abituati. Questo film è bello perché ti sorprende, siamo dopo tutto in piena fase di integrazione razziale, che nonostante Rosa Parks o MLK era ben lungi dal verificarsi compiutamente. Questo film ti mostra un lato del razzismo violento e intenso con gli occhi dell’epoca, senza voler fare troppe morali o senza intenti puramente educativi. Qui c’è l’odio razziale, le croci che bruciano, le scuole per soli bianchi, l’incitazione alla violenza. È un film avanti per i suoi tempi.
Il lungo viaggio verso la notte” è un’opera teatrale trasportata al cinema per la gioia di Katharine Hepburn che così poteva avere per le mani pane per i suoi denti. I personaggi sono solo 4, una famiglia che si ritrova e che si rinfaccia le cose, si racconta le cose, si scopre, si allontana e si riavvicina. È uno di quei drammoni familiari in cui quando un personaggio dice qualcosa per ferire gli altri, ti tiri i piedi dall’imbarazzo. Si segue naturalmente volentieri perché i 4 attori sono tutti di primo livello. Oltre alla Hepburn c’è il veterano Ralph Richardson, c’è Jason Robards e c’è Dean Stockwell che era una baby star a fine anni ’40 e che è riuscito ad avere una lunghissima carriera. Nei primi anni ’60 Stockwell sembra quasi il fratello minore di James Dean. Pare che sul set facesse freddissimo per cui Stockwell si aiutava con l’alcool, al che la Hepburn era indignata, ma quando lo venne a sapere gli regalò una coperta.
1963
Sono ben 289 i titoli che ho visto, con 57 a cui ho dato almeno 8. I miei preferiti in assoluto sono 8 e mezzo e gli Uccelli di Hitchcock, ma scrivo 2 righe su altro.
Blow job” di Andy Warhol è una specie di documentario in cui vediamo il volto di un ragazzo e le espressioni che fa mentre fa sesso. I film di Andy Warhol per me sono veramente dei relitti di altri tempi. Certo negli anni ’60 Warhol era uno degli artisti di prima categoria, ma se parliamo dei suoi film e dei suoi documentari, non dei dipinti allora scusate un attimo. Ne ho visti un sacco e sinceramente non me ne importa niente se faccio la figura di chi non ha gusto o e non ne capisce, ma li trovo orribili, una lotta testa a testa con quelli di John Lennon e Yoko Ono, se è per questo. Mi volevo togliere lo sfizio di dirlo.
Il servo” di Losey, invece qui si ragiona, c’è Dirk Bogarde che entra a servizio nella casa di una coppia che ha i suoi alti e bassi. “Sì signore, certo signore, come desidera signore”. Col tempo, studiata bene la situazione e i caratteri dei padroni le cose cominciano a cambiare. “Se proprio crede signore, come meglio crede signore, appena riesco signore”. Più la coppia scoppia più Bogarde inizia ad avere la meglio nel suo braccio di ferro psicologico col padrone e i ruoli fatalmente si invertono. Bogarde si mette bello comodo in poltrona, e che sia il padrone a mettergli le pantofole, adesso. Questo personaggio è rimasto come forse il più memorabile dell’attore inglese prima della fase Visconti.
La ballata del boia” di Berlanga è il film che mi ha fatto dire “ok mi piace Nino Manfredi”. Per me fino a qualche anno fa era solo Mastro Geppetto, non è colpa mia. Invece negli anni ’60 Manfredi incarna l’uomo medio italiano meglio di chiunque altro. Tognazzi era uomo virile e dai grandi appetiti, Gassman era esuberante e pieno di cazzimma, Mastroianni era sensuale e fatalista, invece i ruoli di Manfredi erano quelli di persone che subiscono gli eventi, che subiscono il rapporto di coppia, che devono ingegnarsi per venire a capo delle cose. Era possibile immedesimarsi in Manfredi. In più era dotato di grande talento comico, anche nei ruoli tragici bastavano due espressioni per farti sorridere anche quando gli capitava di tutto, come in questo caso, in cui sposa una giovane il cui padre è un boia e per tradizione tocca al figlio ereditare il mestiere del genitore, quindi da un giorno all’altro Manfredi ora deve svolgere le esecuzioni dei detenuti, anche se non ha il pelo sullo stomaco. Divertente.
I gigli del campo” è uno dei tanti film degli anni ’60 con Sidney Poitier che si afferma come icona culturale assoluta. Questa storia semplice vede Poitier giungere per caso nei pressi di un piccolo convento. La madre superiora convince Poitier a lavorare per loro, hanno intenzione di ristrutturare un po’, ma Poitier aveva ben altri programmi. Alla superiora non interessa un bel niente dei programmi di Poitier perché se è lì, vuol dire che Dio l’ha voluto lì. Ne vengono fuori tanti dialoghi divertenti, Poitier fa la sua espressione come per dire “che pazienza che ci vuole con questa”, la superiora Lilia Skala è bravissima e in tutto ciò Poitier si affeziona alle suore e trova anche il suo scopo nella vita.
Nella prima metà degli anni ’60 la tv era ormai nelle case di tutti gli italiani, i quali amavano gli sceneggiati, Canzonissima, Mike Bongiorno e il telegiornale. Abbondano i documentari che mostrano i vari aspetti dell’Italia del boom, un Italia ancora molto eterogenea ma per questo tanto interessante da raccontare. Si possono trovare in giro tanti documentari come “Fazzoletti di terra” in cui due contadini si costruiscono le loro terrazze per coltivare sollevando una a una delle grosse pietre a mano. Una vita passata a spezzarsi la schiena. Poi ci sono le interviste sui temi d’attualità ad esempio “In Italia si chiama amore”, e i docu geografici che mostrano le costruzioni di dighe, dei tralicci per la corrente, di sopraelevate e autostrade, che io trovo assolutamente affascinanti. Andavano poi i cosiddetti Mondo film, che erano documentari su temi scabrosi, in genere erotismo e pornografia (tipo “Mondo di notte”, ma affrontavano anche altri temi, per esempio era scioccante “Mondo cane”. Per quanto riguarda gli sceneggiati della prima metà degli anni ’60 vanno citati almeno “La cittadella”, “Il mulino del Po” e “una tragedia americana”.
1964
Il 1964 è un altro anno strabiliante per me. Ho visto 372 titoli tra film, corti, documentari, serie tv. Ho dato 8 o più a 65 di questi. Questo è l’anno della famiglia Addams e di Vita da Strega, è quello in cui parte la serie di Angelica e va di moda Sellers, Ursula Andress, Julie Andrews, Louis de Funes e Gianni Morandi. Bette Davis e Joan Crawford si dedicano al mystery con sfumature horror e diventano famose le sorelle Dorleac: una morirà giovanissima, l’altra ancora oggi è conosciuta in tutto il mondo come Catherine Deneuve. Antonioni gira il suo primo e bellissimo film a colori, Connery è alle prese con Goldfinger prima, con la Lollo e con Hitchcock poi, e la rana in Spagna gracida in campagna. Trionfo per i primi spaghetti western e per Leone, emerge la Sandrelli mentre in declino Doris Day. Classico dei classici per Loren-Mastroianni in “Matrimonio all’Italiana”. Insomma un anno di infinite squisitezze.
Seven up!” è un’idea molto interessante: si tratta di documentare la vita di alcuni ragazzi a distanza di 7 anni. Il primo documentario esce quindi nel 1964, il secondo poi nel 1970 (14 anni), poi 1977 (21), 1984 (28), 1991 (35), 1998 (42), 2005 (49), 2012 (56) e 2019 (63 up). Con la regia di Apted, attraverso le interviste vediamo cosa è successo nelle vite di queste persone.
La caccia” di Manoel de Oliveira regista portoghese morto a 106 anni, è un corto in cui due amici decidono appunto di andare a caccia, ma senza fucili, così niente di male può succedere. Quando si dice il caso: uno finisce nelle sabbie mobili, e sta all’altro amico escogitare il modo per salvarlo.
La donna di sabbia” di Hiroshi Teshigahara è un Thriller nel quale un entomologo va a caccia di insetti in una zona desertica e finisce in una fossa nella quale c’è una capanna con una donna, che trascorre la vita a spalare sabbia, come in un supplizio di Tantalo, ogni santo giorno, per evitare di essere sepolta. L’entomologo è stato intrappolato lì affinché possa contribuire al lavoro della donna e trascorrere con lei il resto della vita. Come un insetto in trappola, l’uomo cerca in tutti i modi di scappare.
“L’uomo del banco dei pegni” è un film di Lumet con Rod Steiger, due garanzie insomma. C’è un ebreo che lavora in un banco dei pegni. Trascorre la sua vita a valutare gli oggetti che gli porta la gente, privato ormai di ogni emozione. Il suo giovane commesso non è niente per lui, i suoi clienti non sono niente per lui. Osserva gli oggetti, li stima al ribasso, ci mette l’etichetta e così passa la giornata. C’è una donna che prova a mostrargli segnali d’affetto: non è niente per lui. Quest’uomo respira, ma non è vivo. Pare che fosse uno dei ruoli preferiti da Steiger, attore dalle scelte molto coraggiose che negli anni ’60 spesso lavora con registi italiani, anche in piccole produzioni. Il film è pieno di sentimenti da scavare in profondità, che esplodono con violenza nella parte finale.
Zorba il greco” è l’amicizia improbabile tra Anthony Quinn e Alan Bates. Quinn è Zorba, che non ha paura di niente e si butta a capofitto nella vita e nelle esperienze. A lui la gente piace, ci parla, ci ride e ci beve, si fa anche i fatti degli altri ma è generoso se serve, e comunque manda avanti la sua vita. È estroverso al 100% ed è un personaggio interessante interpretato magnificamente da Anthony Quinn, attore dalla lunga carriera. Alan Bates è gentile, preciso, riservato, discreto, riflessivo. Non si lancia, chiede permesso, è un tantino represso ma è un buon amico e una brava persona. Quinn adotta Bates e gli cambia la vita. Finiscono per conoscere una donna sola che è Lila Kedrova, che vive nel passsato. Mostra le gambe, si veste coi pizzi, finge una felicità che non possiede più, si comporta da adolescente. La Kedrova cerca ancora la vita e Quinn la accontenta. Questi personaggi così diversi raccontano una storia interessante. Memorabile la morte della Kedrova, con le vecchie del paese che vanno a saccheggiare la casa. Bates è uno degli attori più sottovalutati degli anni ’60 e ’70.
Un giorno di terrore” è il titolo italiano di “Lady in a cage”, che forse è meglio, si tratta di Olivia de Havilland, che è una scrittrice che ha avuto un incidente e quindi è costretta temporaneamente alla sedia a rotelle, quindi si muove nella sua bella casa grazie a un ascensore che la porta dal piano delle camere al soggiorno e alla cucina. Il figlio va via per il fine settimana, ma represso dalla madre ha propositi suicidi, ebbene Olivia resta sola in casa. Purtroppo per lei va via la corrente quando l’ascensore è a metà, e così resta sospesa. Salire non può, scendere non può, saltare nemmeno, arrampicarsi non se ne parla. Suona l’allarme, ma nessuno sente. Non esistevano mica gli smartphone, qui si rischia di restare in ascensore molto, molto a lungo. Succede quindi che un ubriacone entra in casa e sotto gli occhi impotenti della de Havilland pensa bene di accumulare un po’ di refurtiva. Non contento, va a chiamare altri suoi amici, più delinquenti e spregevoli che mai. Capitanati da James Caan, questi teppisti metteranno a ferro e fuoco la casa della de Havilland che guarda impotente quello che accade. Bellissimo e dimenticato titolo che vale la pena riscoprire in onore della mega star di recente morta alla bella età di 104 anni.
submitted by yabluz to italy [link] [comments]

Discussione sulla transfobia ed etichette varie

Ho visto il post della ragazza investita dal fratello ma i commenti sono cancellati ed a quanto pare bloccati.
Mi piacerebbe fare un discorso costruttivo con voi, non tanto sulla tragica ed insensata vicenda, ma su ciò che ha fatto inorridire i social, ovvero definire la ragazza "gay" perché stava con un trans ftm, ovvero una ragazza diventata uomo.
Io non ho particolari esperienze a riguardo, sono un banalissimo maschio bianco eterosessuale che non giudica i gusti degli altri, per me puoi amare/trombarti chi vuoi, basta che sia adulto e consenziente, non sono abituato ad usare etichette sui gusti sessuali e probabilmente non le conosco nemmeno tutte.
Preambolo finito, ora arrivo al punto:
Posso solo immaginare cosa significhi nascere e sentirsi a disagio con il proprio corpo, mi immagino questa povera ragazza a cui non fregava nulla delle bambole ma avrebbe solo voluto giocare a calcio con i suoi amici maschi. Immagino gli insulti e le risatine che ha dovuto subire per tutta la vita. Immagino lo sforzo (anche economico) ed i disagi a cui ha dovuto sottoporsi per cambiare sesso.
Presumo ci saranno delle procedure burocratiche inimmaginabili (cazzo in Italia sono difficili le pratiche "normali", cambiare sesso sarà un casino) e quindi capisco la comunità LGBT inferocita nel sentire etichettare con il termine gay una ragazza che sta con uno che legalmente è un uomo.
Eppure più ci penso e più non riesco ad ordinare e dare un senso ai miei pensieri, capisco e comprendo tutto ciò che ho detto sopra e anche solo per un rispetto empatico definirei uomo uno che ha terminato la sua transizione ma in fondo in fondo credo che anche io mi sentirei di definire "gay" questa ragazza.
Ho scritto cose discordanti, lo so, ma proprio perché non ho mai affrontato questo ragionamento e non so bene cosa pensare.
Se da un lato il rispetto per le altre persone mi porta a definire uomo una ragazza che ha cambiato sesso dall'altra parte la ragione mi dice che biologicamente quella è sempre una ragazza, anche se ha tolto chirurgicamente il seno e si fa di ormoni per avere barba e voce profonda.
Voi come la pensate? Qualcuno del mondo LGBT che possa esporre la sua posizione sarebbe estremamente gradito
submitted by zaddy86 to italy [link] [comments]

igrat-na-dengi-v-grand-casino

igrat-na-dengi-v-grand-casino

Играть на деньги в Grand Casino


https://preview.redd.it/5472hqp4ga961.jpg?width=690&format=pjpg&auto=webp&s=e13d00a68f96eb1f249cb031455639426715a54f
Grand Casino – это популярная гемблинговая площадка, которая нравится посетителям за простую и удобную навигацию, обширный ассортимент развлечений и приятную атмосферу. На основной странице сайта представлены популярные сейчас аппараты, которые любой посетитель может попробовать в демонстрационном режиме. Зарегистрированные участники могут использовать автоматы с вложениями и получать крупные денежные призы. Создание аккаунтов в клубе доступно исключительно совершеннолетним пользователям.

Игровой зал

В Grand Casino наиболее востребованным развлечением являются слоты. Каталог автоматов представлен разработками компаний Betsoft, EGT, Games Lab, IGT, Microgaming, Play N Go, Playtech и др. На сайте игроки смогут найти уникальные аппараты, которые редко можно встретить на других площадках (например, Viva Italia, Sugar Pop, Amber, Manga).
Автоматы из игрового зала в среднем имеют отдачу 90-95%, встречаются высоко-, средне- и низкодисперсные игры, что дает возможность подобрать слот, в соответствии с предпочтениями по частоте и размеру выигрышей. Так как клуб работает только на оригинальном софте, пользователи могут не переживать за честность во время геймплея. Аппараты на сайте делятся на следующие категории:
  • 3-барабанные;
  • 5-барабанные;
  • флеш-игры с джекпотами;
  • специальные автоматы;
  • 3D развлечения.
Помимо обычных «одноруких бандитов», на площадке также представлен широкий выбор настольных игр. Пользователи могут сыграть бесплатно или на деньги в блэкджек, покер, баккару и рулетку. Некоторые развлечения в азартном заведении доступны в публичном, тренировочном, персональном и VIP-залах. Все развлечения имеют широкий диапазон ставок, благодаря чему пользователи могут наслаждаться геймплеем без больших финансовых трат.

Как начать играть на деньги?

Сразу после создания учетной записи гемблеру предлагается пополнить счет в Grand Casino, чтобы начать выигрывать настоящие деньги во время вращений. За первый депозит сайт дарит пользователям от 100% до 300%, в зависимости от суммы ввода. Площадка поддерживает все популярные инструменты пополнения:
  • Qiwi;
  • WebMoney;
  • Яндекс.Деньги;
  • банковские карты Visa/Mastercard;
  • Приват24;
  • Neteller.
При вводе и выводе геймер должен использовать один и тот же кошелек/карту, оформленные на его имя. Если счета не будут совпадать, администрация запросит документы для подтверждения того, что снимает деньги владелец аккаунта, а не мошенники.
submitted by AntonKrug1 to u/AntonKrug1 [link] [comments]

La rubrica serale * 29/12/20

Blob è una rubrica di italy: ogni sera postiamo un mix di thread diversi.
Ci troverai: thread rimossi nella giornata che magari sono interessanti, i principali contenuti da altri sub in lingua italiana, i thread del passato.
Vuoi saperne di più? Consulta la spiegazione.

Questo appuntamento ti piace? Vorresti che fosse mantenuto?

Scrivici! stiamo raccogliendo pareri.

I top thread di alcuni degli altri sub italiani

Da lazio

Da AnimeItaly

Da cucina

Da italianmusic

Da libri

Da seriea

Da italyinformatica

I top thread di alcuni degli altri sub locali

Da milano

Da Sardinia

Da Trieste

I thread recuperati di oggi

Foto "lancia e dimentica"

Link per cui è richiesta un'introduzione del contenuto

Meme e altre cose divertenti, più adatte per il Caffè Italia

Temi per i quali c'era già un altro thread simile aperto o un megathread

Thread con un titolo da cambiare

L'anno scorso, parlavamo di:

I più apprezzati erano:
submitted by RedditItalyBot to italy [link] [comments]

JOKERMAN79 Casinò Italia - YouTube Download giochi casino Italia - YouTube Casinò Italia - YouTube CASINO ONLINE ITALIA 🎲 (Highlights) - YouTube CASINO' ITALIA  Sbancata folle al MEGA BALL 🎱 - YouTube BONUS Italia VLT BET 5€ (Live play SPIELO)🔝 - YouTube

L'Italia è una delle prime 10 potenze mondiali, sia a livello economico che culturale. Nel settore del gambling siamo da sempre stati all'avanguardia. I casinò italiani sono bellissimi, i territori sono affascinanti da visitare e per ultimo la regolamentazione dei casinò online con aams ci viene invidiata da tutto il mondo. Noi siamo dei giocatori d'azzardo, giochiamo spesso, vinciamo e ... Campione d italia → Casino-Test [Top 13] {Wie benutzerfreundlich ist das Präparat? Das Produkt kann von dem Anwender, immer und ohne großes Herumprobieren bedenkenlos gebraucht werden - auf Grund der ausführlichen Erklärung des Herstellers neben der Einfachheit des Produktes in der Summe. Cosa trovo all'interno di Casino Italia? Qualunque contenuto utile riguardante il mondo dei giochi casinò e dei casinò online. Strategie per i vari giochi (roulette, blackjack, eccetera), reviews dei vari metodi famosi con pro e contro, dimostrazioni e sessioni di gioco di professionisti, reviews di casinò e consigli su quale sia o quali siano i migliori casinò online in Italia. Per questo, se abiti al centro o al sud Italia e pensi che il viaggio non valga la pena, potrai sempre rivolgerti ai casinò online, l’ultima frontiera del divertimento tecnologico, tra cui spicca casino.netbet.it. Casinò di Campione d’Italia. Iniziamo la rassegna dei casinò italiani dando il giusto tributo al casinò di Campione d’Italia. E’ stato dichiarato fallito il 27 luglio 201 Scommesse live casino Casino SloT ACCEDI. BETMASTER BONUS NOVEMBRE 2020. IL MIGLIOR BONUS DEL 100% sul Primo Deposito IN ITALIA. Ricevi il 100% di bonus fino a 150 euro + 5 euro a settimana solo su BETMASTER Scommesse! + Voucher per viaggio di 3000 euro al mese. Invece 100% fino a 1.000€ + 40 Free Spin su Betmaster Casinò Online. RICEVI I LORO BONUS. Chi è Betmaster? Betmaster è una ... Novomatic, Aroundtown, Telecom Italia, Casino Guichard Perrachon Der einzige Corporate Deal am EUR Credit Primärmarkt kam gestern von Aroundtown. Das Real Estate Unternehmen aus Luxemburg preiste ... Das Casino Municipale Campione d’Italia ist das größte Kasino in Europa. Im Mai 2007 wurde das neue Gebäude errichtet, der Entwurf stammt von dem Schweizer Architekten Mario Botta. Obwohl Campione zu Italien gehört, ist es wirtschaftlich eng mit der Schweiz verknüpft, gezahlt wird mit dem Schweizer Franken. Casinos Italien. Casino de la Vallée; Casino’ di Sanremo; Casino Municipale ... Das Casino im Terminal 2 bietet ebenfalls "Take-away"-Produkte an. Sitzplätze stehen - mit Ausnahme dem Casino im Terminal 2 - vorübergehend nicht zur Verfügung. Gäste, die im Casino im Terminal 2 den Sitzbereich nutzen möchten, müssen sich registrieren und die Regelungen vor Ort beachten. Bis auf Weiteres sind keine Barzahlungen möglich. Die Kantine in der LuPoLei, das Casino auf dem ... Siamo un casino online sicuri riconosciuto dal AAMS con concessione numero 15009; questo ci permette di operare in Italia grazie al permesso rilasciato dal Monopolio di Stato a garanzia della nostra trasparenza e legalità. Adottiamo solo standard di sicurezza elevati, come firewall di ultima generazione e la tecnologia di crittografia RSA a 128 bit per garantire che tutti i dati siano sempre ... Enzo Casino Vip ha la licenza n.1668/JAZ, rilasciata dal governo del Curacao, quindi enzo casino aams non è disponibile in Italia. La licenza è valida in tutta l’Unione Europea. La piattaforma non rientra nel circuito AAMS, ma fa molto di più. Infatti, aderisce alle regole europee, che sono più stringenti. Poi, collabora con due associazioni che si occupano della lotta contro la ...

[index] [28261] [27311] [24675] [31352] [2115] [26176] [26516] [20155] [20039] [6819]

JOKERMAN79 Casinò Italia - YouTube

Il gioco è vietato ai minori di 18 anni. Per tutti gli altri, giocate responsabilmente. ..... 🇮... https://www.crypto-casino.io/migliori-casino-online/ - Gioca ora al casinò online (con GRANDE bonus)🔞 Gioco responsabile: È necessario avere almeno 18 ann... Casino NetBet.it con licenza AAMS. Prova subito tutti i nostri giochi come le piu' famose slot machines. Per te un fantastico bonus fino a 1000 euro The real win in ITALIA 🤗🤩🤗🤩 Casinò Italia è un canale Italiano di educazione riguardo il gioco d'azzardo. In esso posto informazioni riguardo ai vari metodi per vincere alla roulette, al blackjack e agli altri vari giochi ... http://www.slovenijaonlinecasino.com - Download giochi casino Italia ℹ️ INFO SULLA SESSIONE di gioco: 📲 https://cobrabonus.vercel.app/comparetw?options=UnibetLeovegasStarcasino 👈 👆QUI potete trovare una comparazione di ... Secondo canale dello YouTuber JOKERMAN79 in cui si trattano esperienze reali di slot online, slot da bar (AWP) e VLT. Ogni "esperienza" ed ogni sessione di g...

http://bitcoin-casino-jackpotslots.forextoday.website